SARONNO – Nuovo grande successo per il concerto dell’Epifania che martedì sera ha conquistato oltre 360 saronnesi.

“Il calore e l’entusiasmo dei saronnesi per questo evento ci ha davvero commosso e siamo più che mai intenzionati a portare avanti questo appuntamento anche nei prossimi anni”. E’ questo il commento di Corrado Belfiore presidente dell’associazione Sicilia a Saronno al termine del vero e proprio evento musicale che si è tenuto al teatro Giuditta Pasta.

“Quando nel 2010 abbiamo dato vita a questo appuntamento – ha spiegato in una breve introduzione dando il benvenuto ai saronnesi presenti in sala – volevamo regalare alla città un momento di bella musica e condivisione alla fine delle festività. Devo dire che grazie all’affetto e alla presenza dei saronnesi siamo riusciti ad entrare tra i tradizionali appuntamenti del calendario saronnese di questo non possiamo che essere lieti anche alla luce dell’intento benefico della nostra manifestazione.

Il ricavato della serata, infatti, sarà devoluto all’associazione Unitalsi. Ad ascoltare la performance dell’orchestra e del coro Amadeus diretti dal maestro Marco Raimondi c’era anche il sindaco Alessandro Fagioli con diversi esponenti della Giunta (Lonardoni, Guaglianone, Banfi, Vanzulli) le autorità militari (il capitano Giuseppe Regina, il luogotenente Diego Salvia e il comandante della polizia locale Giuseppe Sala e il suo vice Claudio Turconi) e il prevosto monsignor Armando Cattaneo. In primi linea i membri dell’associazione organizzatrice e anche tanti volti noti della società civile saronnese dall’ex sindaco Luciano Porro all’ex presidente del teatro Sergio Giacometti.

Al termine del concerto non è mancato un momento di conviviale “made in Sicilia” con un brindisi con cannoli e spumante.

(per la foto di copertina si ringrazia Armando Iannone)

07012015

2 Commenti

  1. Sara …il Capitano dei carabinieri è Regina, non Sala come riportato nell’articolo.

  2. Sindaco e giunta tutti in piedi per l’Inno di Mameli a fine concerto.
    Sarà di buon auspicio per questo 2016.

Comments are closed.