Home Primo piano Fagioli e Lonardoni presentano il nuovo volto di piazzale Borella

Fagioli e Lonardoni presentano il nuovo volto di piazzale Borella

50
30

SARONNO – E’ partito ieri il cantiere per la riqualificazione dell’area di piazzale Borella, dall’intesezione con via Frua a quella tra via Padre Monti e via Silvio Pellico.
A presentare l’intervento, del costo di 122 mila euro di cui 72 mila investiti dal Comune e 50 mila dalla Regione, sono stati lunedì mattina il sindaco Alessandro Fagioli e l’assessore all’Urbanistica Dario Lonardoni.

CAMBIAMENTI RISPETTO AL PROGETTO TARGATO BARIN
Si tratta di una riqualificazione viabilistica che aveva avviato la precedente Amministrazione inserendola nel piano della sicurezza stradale nazionale 2014. “Appena insediati abbiamo preso in esame tutti i progetti rimasti in sospeso – ha dichiarato il primo cittadino Fagioli – nel caso di quest’intervento abbiamo rivisto alcuni elementi principalmente per tutelare i posti auto di via Pellico che sono un importante serbatoio per gli automobilisti anche alla luce della presenza della scuola media Leonardo da Vinci, del cinema e anche di molte attività commerciali”.
Nella sua prima versione l’intervento, presentato dalla precedente Amministrazione, prevedeva la creazione di una ciclabile da via Don Marzorati fino all’accesso della zona a traffico limitato in via Padre Monti che avrebbe portato ad una riduzione degli stalli disponibili in via Pellico.

IL PROGETTO ATTUALE
Il cantiere in atto ridisegnerà, in accordo con l’ospedale, l’accesso alla struttura davanti alla rotonda: “Ci sarà un’area con auto bloccanti in cui potranno muoversi in sicurezza pedoni e biciclette – ha spiegato Lonardoni – mentre si dirà addio alla fermata selvaggia con la creazione di due posti auto creati ad hoc per permettere di far scendere in sicurezza chi deve entrare all’ospedale”. insomma una sorta di area di fermata rapida messa al servizio degli utenti della struttura sanitaria. In via Pellico resterà lo stesso numero di stalli ma con alcune innovazioni: “Per la prima volta – ha evidenziato il sindaco – in città saranno realizzati stalli con le corsie guida (come quelli dell’area di sosta del supermercato Esselunga ndr) così da facilitare la manovra degli automobilisti”. Nuova collocazione anche per il monumento ai caduti del lavoro che sarà spostato di qualche metro mentre le aiuole a prato saranno sostituite dalla piantumazione di alcune essenze. Non solo: sono stati ripensati i percorsi pedonali così da rendere più agevole raggiunge l’ospedale per chi lascia l’auto nel posteggio tra via Manzoni e piazzale Borella ed anche per i ciclisti che avranno un attraversamento dedicato lungo via Frua.
Nuova location anche per la fermata degli autobus urbani che non sarà più sulla rotonda all’angolo con via Marzorati ma all’inizio di via Frua: “Con un aumento della sicurezza per i passeggeri che scendono e attendono ma anche per la circolazione”.

TEMPI
“Il cantiere si è aperto ieri – ha concluso l’assessore Lonardoni – avrà una base operativa in piazza Saragat dove saranno temporaneamente occupati una ventina di posti auto. Abbiamo scelto di iniziare a gennaio così da arrivare in primavera e poter realizzare subito le asfaltature senza dover realizzare un periodo di stop”.

26012015

30 Commenti

  1. SAREBBE UTILE,CARA AMMINISTRAZIONE,RENDERE NON A PAGAMENTO I PARCHEGGI DAVANTI IL CINEMA SILVIO PELLICO E INTORNO ALL OSPEDALE.
    PARCHEGGI LIBERI A DISCO ORARIO

    • Ottima segnalazione. Anche perché con i parcheggi gratuiti si scoraggiano i parcheggiatori abusivi di varia provenienza.
      E poi, un bel segnale di inversione di tendenza: più parcheggi per auto coniugati con più tutela per pedoni e ciclisti.

    • Condivido la proposta di Gennaro.
      Comunque caro Fagioli nel tuo programma c’era la riduzione degli stalli a pagamento e il ripristino del limite dei 50km/h. Desciuless!!!

      • In quelle vie il limite di 30 va benissimo, non vedo quale sia il problema, tra auto parcheggiate, bici e persone non si riesce neanche ad andare a più di 30 km/h.

  2. Una delle poche cose che non servivano… Le scuole cadono a pezzi e noi rifacciano le strade per facilitare i posteggi. Complimementi

  3. Ecco che vediamo il sindaco Lonardoni presentare il nuovo progetto….ops è vero il sindaco è Fagioli. Mi sa cari saronnesi che avete sbagliato a votare, Lonardoni come sindaco era una grande opportunità che avevamo per la nostra Saronno, per fortuna è almeno assessore (senza nulla togliere a Fagioli,non ha però l’esperienza e le competenze e la classe di Lonardoni). Ricordatevi alle prossime elezioni…avevate servita una lista civica di persone oneste e preparate in saronno al centro, erano da cogliere al volo.

    • Sembra di leggere una pubblicazione in campagna elettorale di SAC (quando credeva di vincere le elezioni). Sulla stessa pubblicazione sto anche rileggendo: “Salvini, Meloni, Storace, Le Pen…più a destra di così!!!”. Ancora :” Saronno sta alla Lega, come il diavolo all’acqua santa”.
      In altra sede, una chiara dichiarazione di SAC: “E prendere così una distanza sia da destra che da sinistra…”.
      Poi tutti sanno come sono andate le cose.
      Sig. Anonimo (tifoso di SAC) si ricorda? Sa darmi una spiegazione?

  4. Bene! una piazza importante per i saronnesi e non solo finalmente riqualificata.
    Avanti così!

    • ti prego non nominare più il nome dell’ex assessore …
      in discarica, dopo la sua “economica” ristrutturazione, pensa che ancora non funzionano i lettori dei Badge all’ingresso e all’uscita ….
      l’efficienza prima di tutto caro mio!

  5. Gennaro e poi cosa vuoi.. Che ci sia anche il parcheggiatore che ti custodisce la macchina? Vicino a qualsiasi ospedale è a pagamento il parcheggio

  6. Mi raccomando, diamo priorità alle auto e rassegnamoci al fatto che le biciclette continueranno a percorrere via Pellico contromano o sui marciapiedi.
    Per non parlare della pericolosità di piazzale Borella, dove una cosa che mancava era proprio la prosecuzione della ciclabile di via Marzorati, e continuerà a mancare.
    Altra chicca della giunta Fagioli…

  7. E SONO 3 I PROGETTI CHE L’AMMINISTRAZIONE PRECEDENTE DICHIARATA IMMOBILISTA E OSCURANTISTA VENGONO RIPRESI CON GRANDE ENFASI E PUBBLICITA’ DA QUESTA AMMINISTRAZIONE DI GATTI DI MARMO

  8. Progetto giá messo a bilancio dalla precedente amministrazione, Fagioli sta facendo il raccolto di legumi che non ha seminato lui.
    Tra un paio di anni vedremo quanti legumi potremo ancora raccogliere grazie al lavoro di semina di Fagioli. Per il momento non ha ancora seminato alcunché.

  9. Io avrei preferito una Pista Ciclabile, per incentivare i Saronnesi all’utilizzo della bicicletta, e al dissuaderli dall’utilizzo dell’auto.
    ===
    Forse era meglio mediare con la prima versione dell’intervento !!!
    ===
    Nella sua prima versione l’intervento, presentato dalla precedente Amministrazione, prevedeva la creazione di una ciclabile da via Don Marzorati fino all’accesso della zona a traffico limitato in via Padre Monti
    ===
    PIU BICI e MENO AUTO !!!

  10. “Ci sarà un’area con auto bloccanti in cui potranno muoversi in sicurezza pedoni e biciclette”
    AutoBloccanti? Evidentemente si vuole aumentare l’afflusso di clienti (pedoni, specialmente donne con tacco) al nostro Ospedale. Non bastavano i SanPietrini della ZTL a far slogare le caviglie alle persone, si doveva incentivare proponendo questa cosa davanti all’ingresso di questa struttura frequentata soprattutto da persone anziane e debilitate. Meglio risparmiare 50.000 Euro comunali e 70.000 regionali e lasciarlo come è adesso piuttosto che proporre l’ennesima e speriamo ultima Barinata ( o la prima Lonardonata )

  11. Bella idea quella di non fare le piste ciclabili in quella zona.Da veri geni. Il Medioevo urbanistico avanza.E c’è pure qualche anima bella che vuole il parcheggio gratuito. Poverini. Devono pagare qualche spicciolo per usare un’area pubblica in pieno centro e piangono tanto. Come potranno ora pagarsi l’happy hour a 20 euro pro capite?

  12. 30 all’ora….. Si spera che questa amministrazione sia abbastanza intelligente da mantenere tale limite che è garanzia di grande sicurezza per tutti…..aldilà dei proclami elettorali non si può dare ascolto a quattro facinorosi della velocità privi di buon senso e minima intelligenza.

  13. A me il progetto sembra valido , contrariamente alle barinate passate. Tuttavia ritengo immorale il sistema di spendere tanti soldi solamente perché se ne può avere in parte dalla regione. Come se , invece di fare riparare l’auto, la cambi con i soldi della mamma….che pero’ vive a tue spese… Aberrazioni sociopolitiche….

  14. Con L’inquinamento atmosferico alle Stelle (vedi link)
    L’articolo parla di Milano, ma è tutta la pianura padana ad esserne coinvolta !

    http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/16_gennaio_27/allarme-smog-pronti-divieti-torna-ticket-sciopero-pm10-f7bf9838-c4f8-11e5-9850-7f16b4fde305.shtml

    Noi di Saronno distiamo solo 30 km da Milano, pensiamo di avere l’aria cosi pulita ?

    Sindaco Fagioli, la prego riveda il progetto di piazzale Borella ed inserisca una pista ciclabile, incentivi la gente all’uso della Bicicletta.

    Si inizia sempre dalle piccole cose, dia la possibilità ai Saronnesi di muoversi in bici senza dover rischiare la vita tutti i giorni…

    Personalmente affronto il tragitto casa/fnm tutti i giorni in bicicletta Non è possibile che a quel rondò debba rischiare la vita un giorno si e l’altro pure !!!

  15. I lavori sono ancora in corso e i nuovi spazi ricavati dal ridimensionamento dell’aiuola centrale di Piazzale Borella si sono gi’round trasformati in zona di sosta selvaggia per chi il sabato sera frequenta i locali della zona nonostante la presenza della segnaletica di cantiere.
    Speriamo vengano messi (e soprattutto fatti rispettare) dei divieti di sosta nelle nuove aree create dove possano (cito Lonardoni) “muoversi in sicurezza pedoni e biciclette ….. e di due posti auto creati ad hoc per permettere di far scendere in sicurezza chi deve entrare all’ospedale”.

Comments are closed.