carabinieri gerenzanoGERENZANO – Ha bussato ad una decina di abitazioni alla periferia cittadina cercando di farsi cambiare una banconota falsa da 100 euro con la scusa di restituire un credito della società che gestisce l’acquedotto. E’ però dovuto andarsene a mani vuote perchè a quanto risultati i gerenzanesi non ci sono cascati.

Fortunatamente in pochi gli hanno aperto la porta e nessuno ha accettato quella sua banconota che sembrava decisamente falsa.

Diverse segnalazioni sono arrivate anche in Municipio: alcune delle persone contattate dal sedicente tecnico si sono rifiutate di consegnargli soldi ma hanno voluto dare l’allarme così da mettere in guardia anche gli altri residenti.

Semplice il suo escamotage: si presentava alla porta, in questo primo giro ha scelto alcune abitazioni in via Rovello, affermando essere addetto alla lettura dei numeri sui contatori dell’acqua. Effettuava il controllo e poi sosteneva che, a causa di un errore, nell’ultima bolletta la famiglia aveva pagato 25 euro in più. Si offriva di restituirli subito per evitare seccature burocratiche e tempi lunghi. Aperto il portafoglio estrava una banconota da 100 euro: “Se ha 75 euro me la può cambiare e siamo a posto”.

In realtà solo una persona a Gerenzano ha fatto entrare il sedicente tecnico in casa ma è riuscita a fiutare la truffa e a rifiutare con forza la banconota, che sembrava decisamente falsa. Gli altri hanno allontanato l’uomo, di bell’aspetto sulla conquantina e ben vestito, senza neppure farlo entrare in casa. Appena la notizia è arrivata al comando di polizia locale sono stati effettuati controlli e sopralluoghi nella zona ma del sedicente tecnico non c’era più traccia.

“Abbiamo informato anche i carabinieri, perchè vengano eseguite indagini più approfondite” commenta l’assessore comunale ai Servizi sociali, Dario Borghi

08022016

2 Commenti

  1. In Germania sono riusciti a farsi cambiare delle banconote da 300 euro! Ė vero che gli autori erano napoletani ma se i tedeschi fossero meno fessi…..

Comments are closed.