SARONNO – Grande festa dello sport ieri pomeriggio nella città degli amaretti chesera si è fermata per permette a grandi e piccoli, professionisti ed amatori di vivere la propria passione per la corsa attraverso il Running day, la kermesse che per il nono anno ha trasformato il centro di Saronno in un circuto.

A dare il buon esempio sono stati i 178 i piccoli saronnesi che si sono messi in gioco alla competizione Tomorrow Runner. A fare gli in bocca al lupo ai piccoli corridori anche il sindaco Alessandro Fagioli e il collega di Challans Serge Rondeau. Entrambi hanno ringraziato i partecipanti per l’entusiasmo e l’energia con cui si sono messi in gioco. I due primi cittadini sono stati omaggiati dall’organizzazione con una maglietta del Running con la scritta “sindaco” a Fagioli in italiano e a Rondeau in francese. Dopo il countdown i piccoli sono partiti per il percorso di 500 metri che li ha riportati in piazza Libertà. La prima ad arrivare è stata Irene Robbiati di dodici anni del gruppo “Alice va veloce”. Al termine della gara medaglie per tutti è un ricco rinfresco per ristorare i piccoli stanchi ma decisamente contenti.

Alle 20, dopo che l’intero percorso è stato chiuso al traffico (con qualche coda alle porte della città e qualche auto rimossa) è stata la volta della gara per adulti. Indossate scarpe da tennis e pettorale sono scesi in pista 259 persone per la gara non competitiva e 310 per quella competitiva. Ad assistere alla partenza anche l’assessore allo Sport Gianpietro Guaglianone (che ha prestato anche servizio d’ordine con gli alpini) e quello alle Politiche giovanili Francesco Banfi.

Al termine del percorso di dieci chilometri il primo a tagliare il traguardo è stato Fabio De Angeli dell’Asd Circuito Running con un tempo di 32:52, seguito da Simone Pessina di C.S. S. Rocchino (33:13) e da Mattia Parravicini di A.S. Canturina Pol. San Marco (33:53). Prima tra le donne e quinta nella classifica generale Nadia Ejjaafini (35,30). A concludere la giornata le premiazione con l’assessore allo Sport Gianpietro Guaglianone.

08052016

6 Commenti

  1. Bellissima iniziativa, come sempre. Grazie a chi ha organizzato e a chi ha partecipato.

  2. Corsa bimbi bellissima.
    Corsa e gara adulti, bella iniziativa che però ha bloccato il traffico Saronnese locale e di attraversamento dalle 17.00 alle 22.30 di sabato pomeriggio, creando code immense ed automobilisti inviperiti. Ma si sa PiDisponsor quello delle piste ciclabili inutili dappertutto. Da MIGLIORARE.

  3. L’estate scorsa ero nella bergamasca.
    Hanno fatto una corsa il sabato sera, una dedicata ai bambini e una per gli adulti. Strade chiuse già dal pomeriggio, eppure non ho sentito uno che sia UN commento negativo o di lamentela, sia dai locali sia dai tanti turisti, tutti in piazza a vedere la partenza e l’arrivo o lungo le vie a incitare soprattutto i giovani concorrenti. Tutti in piazza poi ad affollare bar, negozi e ristoranti… francamente inutile continuare a lamentarsi che Saronno è deserta se poi quando fanno UN evento all’anno in cui devono chiudere un po’ di vie per una corsa c’è subito chi si lamenta come un disco rotto. Concordo sulla necessità di informare, ma al di là di mettere cartelli, annunciarlo sul web e sui giornali, credo non si possa fare poi molto altro. Per una volta impariamo ad apprezzare ciò che abbiamo.

  4. si lamentano (i negozianti) che non fanno affari, che la corsa li ha rovinati e ieri giornata delle Associazioni in Piazza quanti erano aperti??? quasi nessuno, tutti a godere i meritati soldi nella villa sul lago Maggiore. Meno male che i centri commerciali li stanno spazzando via, questi sono proprio degli incapaci rimasti all’Ottocento

  5. Per dovere di cronaca: le vie interessate alla corsa sono state chiuse alle 19:45, prima di quell’ora c’era solo il divieto di sosta (dalle 17) limitatamente alle vie interessate dal percorso. Quest’anno abbiamo notato invece tanta partecipazione da parte dei cittadini di Saronno, molti applausi al passaggio dei partecipanti alla corsa e un grande afflusso di gente (molto ordinata) in Piazza Libertà. Nell’anno di Saronno Città Europea dello Sport è stata una bella risposta da parte di tutti e di buon auspicio per il futuro.

Comments are closed.