31052015 notte elettorale licata (2) SARONNO “No cara Sac. Non è un mero fatto tecnico ciò che sta avvenendo intorno alla questione dei profughi a Saronno”.

Così il capogruppo del Pd Francesco Licata commenta la nota inviata nella ultime ore dalla lista civica che fa parte della maggioranza che sostiene il sindaco Alessandro Fagioli.

“Non è questione tecnica quando si definisce l’accoglienza un business e quando si confondono, ad arte, profughi con clandestini e peggio ancora con pericolosi africani pronti ad importunare studentesse inermi. E se fosse un semplice fatto tecnico, perché non lo avete risolto? E’ una questione politica“.

E continua: “Una valutazione politica espressa dalla maggioranza con la quale oggi governate Saronno che cozza pesantemente con quanto espresso recentemente dal Prevosto, da numerose associazioni, laiche e cattoliche, nonchè da altrettante forze politiche. Tutti questi hanno accettato di esporsi a pesanti critiche, talvolta insulti, in una fase in cui la crisi economica e le tensioni internazionali portano a guardare con ancora maggiore diffidenza chi arriva da lontano, consapevoli però che questa fosse la cosa giusta da fare, quella decente,quellla umana anche se è la più difficile.
Potete essere o meno d’accordo, nella vostra legittima e completa autonomia di giudizio, ma siate chiari. Accusare gli altri di strumentalità non è ricevibile ed il silenzio, in queste situazioni, è complice”.

14052016

21 Commenti

  1. Si, va be”. Si capisce a distanza che questi interventi della sinistra sono tutti coordinati e fotocopiati per dire la stessa cosa dieci volte.
    Gli elettori hanno detto che non vi vogliono per cinque anni: voi e la vostra politica a vantaggio dei clandestini contro i saronnesi.

    • E’ una questione tecnica? Ma da quando? ….sono solo RISORSE mi pareva qualcuno della sinistra avesse detto!

  2. caro francesco è tutto fiato sprecato a questi interessa la poltrona non la loro dignità

  3. La recente nota di SAC così conclude: “Esigiamo … la verità”. La verità…
    Ho l’impressione che SAC non vedrebbe la verità neanche se si ergesse davanti grande come una montagna.
    Sono rimasti indifferenti allo staff e alla “abolizione” dell’Inno Nazionale e del Tricolore.
    Sono tuttora indifferenti alla grave affermazione: ” A Saronno non c’è la volontà politica di accogliere i profughi” e questo in spregio all’articolo 10 della Costituzione.
    Su ilSaronno ho letto un nuovo significato di SAC (Stiamo a Cuccia), ne ho sentito un altro: “Saldati alla Cadrega”. Ai lettori valutare la veridicita’ dei nuovi significati.

  4. Purtroppo il buisness dello sfruttamento dell’immigrazione clandestina o no è una realtà e il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina è REATO , peccato che in Italia anche quando trovano i clandestini non li espellono , sono sempre tollerati specialmente dal partto di Licata.

    • #Saronnese DOC
      Il business dello sfruttamento dell’immigrazione c’è ma non si può fare di tutte l’erbe un fascio .Com e in ogni situazione c’è che chi la gestisce con responsabilità e correttezza e chi fa il furbo per non dire .Bisogna saper distinguere

      Vorresti forse dire- a priori -che quei saronnesi che sono disponibili all’accoglienza fanno business ?NON SCHERZIAMO …..

      Come mai l’amministrazione a trazione leghista non espelle dalla città i numerosissimi clandestini che bazzicano di giorno e di notte per la città e in particolare zona stazione ??????

      • Non ho mai sentito che una amministrazione comunale abbia il potere di fare espulsioni , se mai le espulsioni possono essere fatte da questura ,polizia di stato , carabinieri, magistratura. Infatti anche nei confronti dei telos, per il loro comportamento illegale , sono stati fatti i fogli di via dal territorio di Saronno dalla questura , non dall’amministrazione comunale .

  5. la questione è, caro Francesco, che se anche sac e i profughi che vorresti magari un giorno regolarizzati anche con voto e cittadinanza ti esprimessero preferenza elettorale andresti sempre e comunque all’opposizione.la maggioranza non la pensa come te, ta la capiset no

    • Ma perche’ scrivere in anonimato, quando lo puoi dire a lui a viso scoperto? Non capisco proprio… in chat, ad esempio… Semplice semplice! O ancora meglio dal vivo ?

  6. in anonimato scrivi solo tu.ed usi anche il nome degli altri.quando ci sono state occasioni qualcuno si è ben visto da parlare anzi…anche salutare.fai il piacere di non inasprire la cosa più di quanto l’hai già fatto…visto che ritieni di essere intelligente

    • Scusi 1993, può evitare di parlare degli affari suoi sui post di commento visto che non penso che interessino a nessuno se non a lei ed al suo fantomatico interlocutore?
      Mi permetto di far notare la questione anche alla moderatrice

      Grazie per l’attenzione

  7. lettore de il Saronno, ha ragione pienamente.capirà anche lei però che se si viene attaccati continuamente da questa fantomatica interlocutrice, un minimo di risposta ci vuole.senza chiamare in causa la moderatrice, che fa già fin troppo il suo lavoro.grazie

    • Sig. 1993, le faccio notare che anche lei attacca continuamente visto che la leggo in ogni post. Francamente non mi interessano le sue simpatie o antipatie personali e se mi rivolgo alla moderatrice è perchè queste sue antipatie o simpatie riguardano lei e solo lei e non interessano nulla agli altri lettori, oltre ad essere fuori luogo su questo giornale.
      Cordialità

  8. chiediamo a questi “profughi” che scappano dalle “guerre” perche’ qui vengono solo loro e lasciano la’ donne vecchi e bambini, ,,,,facciamo cambio volentieri. (si intende Siriani a parte per il resto sono tutti migranti economici, e allora chiamateli col loro nome cioe’ clandestini)..i nostri nonni che scappavano dalla guerra pero’ avevano tutt’altro aspetto ,,,,

Comments are closed.