SARONNO – Non è stato un furto improvvisato ma organizzato nei minimi dettagli quello realizzato davanti a palazzo Visconti qualche notte fa. I ladri sono arrivati con un piccolo attrezzo da giardinaggio per scavare  intorno alla pianta e riuscire a rubare non solo il rosmarino ma anche l’intera zolla con le radici.

Evidentemente avevano intenzione di piantarla nel proprio giardino ed avevano il pollice verde necessario a mettere a segno il colpo senza danneggiare la pianta i ladri che hanno preso l’essenza aromatica piantata pochi giorni prima nell’aiuola nel percorso pedonale tra Palazzo Visconti e piazza Indipendenza.

“L’avevo piantata per migliorare un po’ l’aiuola decisamente triste – spiega Giulio Bonetti titolare della libreria “Pagina 18″ – ed avevo detto ai condomini di prendere pure foglie e rametti e non avrei mai pensato che qualcuno arrivasse a rubare l’intera pianta con tanto di zolla”.

A raccontare il furto è proprio il buco e la terra smossa rimasta nell’aiuola.

15052016

9 Commenti

  1. Lo specchio della nostra società moderna… Si mettono fiori e piante nelle aiuole pubbliche e qualcuno si sente in dovere di fregarsele…

    • No Giuseppe, stavolta i clandestini non c’entrano…. ho visto con i miei occhi rubare dalle aiuole pubbliche di Saronno le violette per portarsele a casa e non erano extracomunitari bensì distinti signori italianissimi e di una certa età ….

  2. Quale clandestini ? Loro hanno orto o giardino ? Loro pensano a mangiare e a un posto letto .

Comments are closed.