SARONNO – L’Amor sportiva ci ha preso gusto! Dopo la qualificazione dei Giovanissimi al campionato regionale, peraltro chiuso ben al di sopra delle aspettative, la società di Cassina Ferrara si ripete con i Pulcini 2005 che dominano il loro girone e conquistano la vittoria nel campionato primaverile. La squadra era ripartita a settembre con un staff totalmente rinnovato, composto da Luigi Cardile, Antonio Pedote e Renato Venturi, i quali hanno saputo dare continuità all’ottimo lavoro cominciato qualche anno prima.

amor pulcini 2005

Il compito non era affatto facile, ma ce l’hanno fatta. Nel girone 18 della delegazione di Legnano, l’Amor ha lasciato ben poco agli avversari: 28 punti su 30 disponibili, nove vittorie ed un solo pareggio contro la SS Martiri (terminata a metà classifica) e +41 di differenza reti. Nonostante i trentasei bambini fossero suddivisi in tre squadre, il mister è riuscito a far diventare questo un successo di tutti, consentendo ad ogni componente della squadra di scendere in campo nel girone 18, coinvolgendo tutti e facendo sentire tutti i bambini sullo stesso piano. Una cosa non da poco, vista anche la filosofia che da sempre segue la società, la quale prima di tutto pensa ai ragazzi e poi ai risultati. Questo è stato un anno che ha consentito di conciliare le due cose, con tutto il settore giovanile che si è fatto notare per impegno, coesione e risultati, seguito anche dalla prima squadra che è riuscita a rimanere in seconda categoria.

Nella prossima stagione i 2005 ripartiranno con lo stesso staff, ma diventeranno più grandi e inizieranno a confrontarsi con il “calcio vero”, ma allenatori e società non hanno alcun dubbio sul fatto che questo non sia stato un successo frutto del caso, ma sia solo l’inizio di un percorso di gruppo che porterà tante altre soddisfazione all’Amor sportiva.

01062016

2 Commenti

  1. Ragazzi…parlate di Pulcini che per regolamento non giocano un “campionato” con vittorie etc…non sono agonisti e anche la FIGC da regolamento non prevede punteggi…sono campionati per gli allenatori

  2. Attività di base, PRE-agonistica. Non c’è classifica, non c’è campionato. Smettiamola di parlare di risultati in un calcio che dovrebbe puntare alla mera formazione dei piccoli calciatori, che fino ai 12 anni non dovrebbero nemmeno sentire la parola “campionato”. Non solo la FIGC, ma tutta la UEFA non prevede una classifica e tantomeno dei campionati. Non facciamoci riconoscere. Lasciamoli giocare

Comments are closed.