SARONNO – “La macchina ha letteralmente volato e si è incastrato nel palo dei cartelli pubblicitari”: così un passante ancora stupito descrive l’incidente avvenuto oggi pomeriggio alle 15,30 alla rotonda tra via Padre Giuliani e via Varese. Protagonista dell’insolito sinistro una Nissan Micra che arrivava dal quartiere Matteotti e, almeno secondo quanto ricostruito da un passante, voleva procedere in direzione del sottopassaggio di via Primo Maggio. In realtà la vettura ha sterzato ed ha colpito una Ford Fiesta che era appena uscita dalla rotonda immettendosi in via Varese e si è letteralmente incastrata sui pali dei cartelloni pubblicitari che all’angolo tra via Padre Giuliani e via Varese fanno anche da parapedoni.

Dalla Ford Fiesta è scesa una 33enne illesa mentre la 76enne che era al volante della Micra è apparsa un po’ provata. E’ arrivata un’ambulanza della Croce Rossa di Saronno. Il personale ha fatto salire la donna sul mezzo di soccorso ma superato lo spavento iniziale la donna ha rifiutato di andare all’ospedale. I residenti della zona le hanno portato una sedia ed ha atteso lì seduta sul marciapiede l’arrivo della polizia locale che ha rilevato il sinistro e avviato le operazione per rimuovere l’auto.

Lunghe code si sono create lungo via Varese e anche in via Primo Maggio e in via Legnanino.

09062016

9 Commenti

  1. Dai Fagioli, togliamo questo limite dei 30 Km orari, diamo un po’ di lavoro ai carroozzieri! 🙂

  2. Ecco a cosa serve la banda gialla centrale in via Varese, ….. , a parcheggiare l’ambulanza! Genio.

  3. Barin aveva detto che via Varese sarebbe stata più sicura , dopo le modifiche stradali

  4. Non solo si da lavoro ai carozzieri che lavorano in nero, ma sopra tutto agli ospedali. Gli incidenti in Italia sono del 50% più elevati che in Europa; come conseguenza si taglia la sanità.
    A SAronno è vero che recentemente non si rispettano i 30 ma, anche i 50, il discco orario, il pagamento dell sosta, lo Stop, il divieto di parchggio sui passaggi pedonali, stalli disabili, telefonare guidando in curva (è molto emozionante), insomma è un casino unico!In piazza Borella si parcheggia in seconda fila, come in via Carcano.Davanti alla Chiesa di San Giacomo (in fondo a via Legnani e inizio Via Silvio Pellico) ci sono sempre auto parcheggiate.
    Il limite dei 30 da decenni sono in europa e america del nord, non mi risulta la loro presnza in Africa.Qui vicino potete vederle (con dossi) sulle vie di scorrimento di Ceriano Laghetto, sulle vie di scorrimento (con dossi)di Lainate (viale Europa e Italia), sulle vie di Scorrimento (con dossi) di Vanzago. Ovviamente sono presnti anche nelle vie centrali.

    • Posto che negli USA si usano le mph, in Nord America il limite più restrittivo si usa tipicamente nelle zone delle scuole (“School Zone”).
      In alcuni casi è addirittura valido solo in orario e periodo scolastico oppure “when children are present”.
      Di sicuro non in tutta la città.
      In Europa si usano le aree 30. Non le città 30.

    • 🙂 🙂 🙂
      prime tre righe: “i carrozzieri lavorano in nero” e “gli incidenti in Italia sono del 50% superiori che in Europa”. Informazioni garantite da GentileFA !!!
      Questo garantisce affidabilità massima sul resto del post 🙂 🙂 🙂

Comments are closed.