SARONNO – Armati di pennelli, rulli e vernice forniti dall’Amministrazione comunale, stamattina malgrado la pioggia e il cielo grigio, gli scout hanno “cancellato” i graffiti presenti sui muri cittadini del quartiere Santuario.

L’iniziativa è stata realizzata come epilogo dell’anno di festeggiamenti per il centenario di presenza degli scout a Saronno con l’obiettivo di fare qualcosa “per migliorare la propria città”. “Abbiamo scelto questo quartiere – spiega Anna – proprio perchè è uno dei più vivi e dei più frequentati dai ragazzi”.

Oltre 140 persone si sono ritrovate di buon ora in piazza Santuario e malgrado la pioggia si sono rimboccate le maniche. Divise in due gruppi hanno imbiancato, cancellando graffiti e tag, il sottopassaggio e il muro davanti alla biblioteca con la supervisione degli operai comunali.

A salutare i ragazzi è passato anche il sindaco Alessandro Fagioli che ha commentato: “Al di là del risultato più o meno professionale devo dire che si tratta di una bellissima iniziativa che rende più pulito un angolo della nostra città. Peccato per il maltempo che ha ridotto il raggio d’azione dell’iniziativa”. Sul posto anche l’assessore alle Politiche Giovanili Francesco Banfi: “E’ un’iniziativa lodevole che unisce cittadinanza attiva e servizio alla città. Davvero una bel modo per concludere i festeggiamenti per i cento anni di presenza in città”.

11062016

 

12 Commenti

  1. Bravi! Speriamo siate di ispirazione anche ai “giovani padani” che magari potrebbero cominciare a ripulire metà della segnaletica saronnese imbrattata dagli adesivi e dalle scritte piazzate dagli ex giovani padani per lustri e lustri..

    • Giá che era presente anche l”assessore Banfi abrebbe potuto reandersi utile con vernice e rullo. Purtroppo non è stato cosí.

    • 🙂 🙂 🙂
      che ridere !!!
      quelli che imbrattano Saronno sono quelli del Telos (e il bello è che lo dice anche l’articolo precedente)
      certo, quelli del telos sono sinistri quindi …
      🙂 🙂 🙂

  2. Mentre fagioli blatera di sciocchezze come i 30 all’ora, i giovani scout gli spiegano come si fa a migliorare la nostra città: fagioli impara

    • 🙂 🙂 🙂
      la schiocchezza dei 30 all’ora l’ha blaterata per anni Porro & C !!!

  3. Va specificato che non hanno cancellato dei graffiti o dei disegni (che anzi: abbellirebbero gli stessi muri da loro ripuliti. Potrebbe essere la “prossima” puntata).Hanno cancellato dei pasticci e ghirigori che non comunicano niente, non abbelliscono, non sono compresi da nessuno (tranne quelli che li fanno, che marcano i territori con la vernice, come i cani con la pipi).

  4. Un bellissimo esempio di educazione civica. Anche i “lumbard” invece di elogiare l’Amministrazione perchè ha fornito la vernice, dovrebbero darsi da fare e ripulire muri e segnaletiche imbrattati con scritte e adesivi!

  5. Bravi, meno male che c’è qualche giovane che si dà da fare in positivo. Purtroppo i cari telos sono già pronti e stanno “oliando” le bombolette.

Comments are closed.