SARONNO – Sono stati incollati su muri, vetrate e sulle cassette postali i volantini contro la Mistralair (società di proprietà di Poste Italiane) al centro del raid avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì ai danni degli uffici postali di via Varese e di via Manzoni.

Ignoti hanno ricoperto gli uffici di volantini su cui troneggia l’immagine di un aereo con il logo di Posteitaliane e l’interrogativo “Lo sapevate che”.

Di seguito una serie di informazioni sulla compagnia area che “da cinque anni collabora con il Ministero dell’Interno – si legge – occupandosi dei trasferimenti delle persone senza documenti tra i Cie rimasti. Inoltre si occupa delle deportazioni di chi non ha documenti verso i paesi d’origine con i quali d’Italia ha stipèulato accordi di riammissione in particolare Egitto, Marocco, Tunisia e Nigeria”. Conclude il volantino un dato “dall’inizio 2015 la Mistral Air “ha provveduto a deportare più di 3 mila persone contro la loro volontà”.

In una colonna del volantino sono riportati numeri di telefono e anche parole chiave con cui informarsi in Internet. Alcuni volantini sono stati strappati ma la maggior parte è ancora ben visibile. Solo qualche mese fa scritte contro la compagnia aerea erano state realizzate sui muri dell’ufficio postale di via Milano che sono state cancellate proprio nelle ultime settimane.

13 Commenti

  1. Scusate ma in via Milano a Saronno, che io sappia, c’è il cimitero e la piattaforma ecologica….
    Dov’è l’ufficio postale?

  2. Ecco la soluzione del problema Telos chiamiamo Mistral e deportiamoli al polo nord

  3. Prendere i clandestini e riportarli al proprio paese e’ : rimpatriali cosa c’ entra la deportazione!!!!!
    che i vari extracomunitari si adoperassero per rendere la loro terra vivibile ..ma e’ piu’ facile invadere altri paesi piuttosto che sbattersi per il proprio..parassiti!

  4. Bene, grazie Poste Italiane, se poteste potenziare questo servizio ve ne saremmo ulteriormente grati!

  5. a Saronno in via Milano non c’è nessun Ufficio Postale; gli uffici sono in Via Varese (Centrale) e Via A Manzoni (succursale1).
    Qualcuno abbia la cortesia di spiegarmi; protestano poiché persone senza diritto d’asilo vengono riportate , a nostre spese (!) nei loro paesi d’origine?

    • non lo sanno neanche loro contro cosa protestano… l’importante è “essere in lotta” e fare bordello.

Comments are closed.