GERENZANO – Stamattina alle 9,45 un ragazzo è stato investito da un treno, diretto a Milano proveniente da Laveno, davanti alla stazione di Gerenzano. L’impatto è avvenuto a poco prima del passaggio a livello. Immediate le chiamate ai pompieri del distaccamento di Saronno che sono arrivati sul posto in pochi minuti con un’automedica. Non c’era però davvero nulla da fare.

Sul posto anche la polizia e carabinieri. Ad occuparsi delle indagini saranno la polizia ferroviaria e i carabinieri di Turate competenti per il territorio.

Secondo le prime indiscrezioni si tratterebbe di un 26enne. Al momento è ignota sia l’identità sia le cause dell’investimento. Circolazione bloccata sulla linea ferroviaria ma ci sono ripercussioni anche per la viabilità. Per permettere le operazioni di recupero della salma e gli accertamenti è stata bloccata via per la Stazione di Gerenzano. I viaggiatori presenti sul convoglio che ha colpito il giovane si sono recati a piedi in via Clerici in attesa di una corsa sostitutiva.

Tanti i gerenzanesi e i turatesi che attirati dalle sirene sono accorsi sul posto per capire cosa fosse successo.

Al vaglio delle forze dell’ordine le immagini della videosorveglianza che potranno chiarire esattamente cosa sia successo.

26062016

8 Commenti

  1. IlSaronno non ha mai riportato le generalitá dei morti suicidi, sia il signore in via Sampietro che la ragazzina in via Roma

  2. per ilsaronno tutti sono senza nome da sempre e non si é mai capito perché, poi basta andare su altri giornali e trovi pure la foto. Mah…

  3. Stavolta io sono dalla parte della Giudici: dare il nome della persona non aggiunge nulla alla tragedia, 26 anni basta per rendersi conto della tragedia.

  4. Lasciare commenti anonimi su un tema tanto delicato fa anzitutto dire “grazie” per la scelta dell’anonimato: gente così son contento di non doverla conoscere.

  5. L’ultimo dei commenti è quello più appropriato. Questo morbo di venire a conoscenza delle generalità delle persone che hanno compiuto un gesto estremo non ha alcun senso.

Comments are closed.