Imo Robur Basket Saronno in Serie B (9)Saronno sogna in grande. Vuole quel rilancio economico, sociale e culturale che la faccia tornare a quella fama mondiale che ha conquistato in passato. Lo urla a gran voce quando ci sono le elezioni (quelle del 2015, del 2010 ed anche del 2009) ma poi continua, malgrado debba la sua fama al ruolo di crocevia ferroviario, a perdere treni. Per rendere l’idea cito l’ultimo esempio che è anche quello più eclatante: Expo. Tante parole, tanti progetti… zero risultati.

Chi invece li ha ottenuti i risultati è la Robur Basket che ha conquistato la promozione nella serie B. L’hanno conquistata i giocatori con fatica e sudore sul campo ma anche la società con il solo sostegno degli sponsor e del presidente Ezio Vaghi. Una stagione che ha regalato alla città emozioni e soddisfazione ed un traguardo mai raggiunto nella storia saronnese.

La Robur ha dato davvero tutto, Saronno nulla. La società non ha fatto mistero delle difficoltà economiche del sostenere la nuova sfida ma nessuno si è fatto avanti. Non un appello dell’Amministrazione, non la mobilitazione di sportivi. Sarebbero basti un euro e cinquanta centesimi ad abitante. Si dirà c’è la crisi, tante esigenze, tante necessità. Certo ma Saronno deve e vuole sognare in grande. E’ la richiesta di tutti: dagli operatori commerciali ai saronnesi che vogliono qualcosa di più dalla propria città. L’Amministrazione comunale l’ha recepito ed ha scommesso prima sulla Vergine della Rocce poi sulla Trevalli.

Per una mattinata di ciclismo, sicuramente con ritorni d’immagine e tanto prestigio, si è disposti a investire fondi comunali e a cercare sponsor privati mentre per una realtà che ha raggiunto la ribalta nazionale sudando, credendo in sé e senza nessun sostegno non si è fatto nemmeno un tentativo. Neppure in nome dei 200 piccoli atleti delle giovanili della società, del ritorno economico e sportivo per la città di un lungo campionato in serie B.

Sognare non costa nulla ma se non si inizia anche ad osare si continua a restare sulle nuvole perdendo tutti i treni.

Sara Giudici

19 Commenti

  1. Tranquilli. Gli spiccioli se mai li spenderebbero sull’FBC e il loro campetto di periferia. Saronno non merita nulla. Il Basket ha ragione!
    Ci meritiamo questo basket aimè. E questo calcio… buon divertimento.

    • semmai che cosa ???? perchè tirare in ballo l’FBC che non centra niente… mi pare anzi che proprio l’FBC è esiliato a Cesate ed ha usa il più brutto centro sportivo comunale, quello del Matteotti, che ci sia a Saronno… facile riempirsi la bocca con la parola FBC, quando in comune invece fanno ponti d’oro alla Robur calcio ( che tra l’altro non ha niente a che fare col basjet)

      • Dai smettiamola. Chiedete all’Assessore e vi sarà dato. E poi chi ha mai parlato di Robur calcio! IO PARLO DEL BASKETE! B A S K E T. Non esiste solo il vostro sport eh… nomini il tuo FBC e arrivano in venti a commentare, ma dove eravate quando il basket chiedeva opinioni e sostegno. Non ve lo tocca nessuno tranquilli!!!!!

    • L Fbc mi pare non prenda un euro dal comune anzi mi pare abbia speso diverse migliaia di euro per sistemare in maniera accettabile un centro sportivo da terzo mondo…e ti ricordo che gioca a cesate a spese sue…

      • Migliaia di Euro per una verniciatura di bianco? Non ci sono nemmeno le luci regolamentari. Va bè.

  2. Purtroppo la regnante si sta rivelando fallimentare peggio della precedente,”valorizzeremo con questo evento le realtà sportive locali”-“riporteremo il calcio a Saronno” solo per citare alcune delle frasi da CAMPAGNA ELETTORALE del probabilmente abile con le parole sindaco non altrettanto abile con i fatti.e intanto il 23 di Giugno è passato, dei fondi regionali non si hanno notizie,pareva che i lavori allo stadio dovessero essere cosa gia fatta…e invece…
    Poi è arrivata la Tre Valli splendida iniziativa,solo per i leghisti,che la osannano manco fosse Pontida,per il resto non mi pare i saronnesi si siano strappati i capelli alla notizia della prtenza della trevalli da Saronno un po perchè lo sanno tutti che il ciclismo crea ovvi problemi al traffico sopratutto in un giorno infrasettimanale
    con le scuole aperte,che darà si visinilità e gioie per menarsela ai nudi crudi e puri CELODURISTI ma diciamocelo chiaro e tondo ai saronnesi e a Saronno porta a poco,un investimento di 30000 euro piu le varie spese accessorie,si veda la messa in opera in Villa Gianetti di pochi giorni fa,vedremo poi come giustoficato nel bilancio,si poteva senza dubbio spendere meglio dedicando tale cifra alle associazioni sportive del territorio vera forza motrice dello sport cittadino,unico motivo per cui è stata acclamata città europea dello sport,cosa che stava sugli zebedei ai leghismi fino a che non hanno vinto e allora hanno fatto loro un cavallo di battaglia che di loro ha ben poco,giusto a proposito che fine ha fatto la pagina Fb di Saronno Città europea dello sport?!?
    Quei benedetti 30 mila era meglio darli alla Robur per fare la B soldi quantomeno spesi sul territorio per il territorio e per Saronno ,vdremo ora quale sarà la scusante…E AVANTI DI SCUSE…

  3. Io credo che le amministrazioni comunali debbano mettere a disposizione impianti idonei ( leggasi infrastrutture a disposizione di tutti e durevoli nel tempo, ossia investimenti) ad ospitare le associazioni per permettere agli atleti di esprimersi al meglio, fatto questo devono essere le stesse associazioni a muoversi con le proprie gambe se vogliono stare in piedi. Certo che non trovare un mecenate privato che a Saronno e dintorni non abbia avuto la disponibilità di 30000 € per una realtà importante è a dir poco ridicolo

    • nel caso della Robur l’amministrazione non credo abbia mai speso soldi, se vogliamo essere rigorosi neppure le strutture devono essere a carico della comunità.

      Colpisce che nello stesso tempo si siano trovati i soldi per la parata dei soliti noti alla Tre Valli Varesine. Mi piacerebbe conoscere poi il ritorno economico di tale investimento (come quello dell’Expo?? che doveva portare milioni di turisti a Saronno?? a proposito appunto di soldi pubblici spesi assai male)

      Invito la direttrice ad andare a rileggere i propri articoli sul luminoso futuro promesso (e ovviamente mai avverato)

  4. una amministrazione fallimentare, un sindaco ameba: il titolo di città dello Sport è merito della precedente amministrazione, non di questi incapaci.

    Quindi si sono spesi 30000 euro per permettere a Sindaco e assessori vari di dare il via alla tre valli e dati 0 soldi al basket Saronno, che vergogna, che vergogna: a calci nel sedere vanno presi.

    Sono contento anche per la direttrice che da sempre schierata, adesso si accorge (forse, fino a quando non richiamata all’ordine) di quanto siano incompetenti questi amministratori.

    Evviva le salamelle. E grazie alla Robur Basket per averci fatto sognare

  5. Senza commentare chiedo solo una informazione.

    E’ possibile contribuire spontaneamente? E’ stata aperta una sottoscrizione pubblica ?

    Grazie

  6. A Saronno non era mai successo che una squadra rinunciasse ad un titolo acquisito, in qualunque sport.

    Assordante il silenzio dell’Amministrazione comunale, che si è fatta invece in quattro per trovare i fondi per la scintillante mattinata della Tre Valli varesina, e che dimentica un basket che in serie B avrebbe portato in tutta Italia il nome di Saronno. La Tre Valli rischia di diventare un incredibile boomerang: se i soldi ci sono, siano dati innanzitutto a sostegno delle realtà locali!

    • In realtà era successo col calcio, quando il Saronno di Tramacere conquistò la promozione non ricordo se in eccellenza i in serie D.

  7. Vorrei replicare un po’ “random” ad alcuni interventi scritti in questi commenti perchè mi sembra che si stia andando un po’ fuori dal seminato.

    1-innanzitutto non mi sembra abbia senso tirare in ballo l’FBC, soprattutto con tanta cattiveria. Reputo le persone che “gufano” contro la locale squadra di calcio MOLTO STUPIDE. Non ne vedo proprio il senso. Onestamente credo succeda davvero in pochissime città. Ho messo piede al palazzetto 2-3 volte in vita mia perchè il basket proprio è uno sport che non mi dice nulla. E l’ho fatto proprio per sostenere una squadra della nostra città pur capendo ben poco di questo sport. E penso che tutti dovrebbero avere questo spirito. Sostenere tutte le realtà locali e non inventarsi stupidi “derby” tra calcio e basket o peggio ancora tra calcio e calcio.

    2-Per i più distratti ricordo che il Saronno per gli stessi motivi di cui ora stiamo parlando perse volutamente i play off per la serie B che nel calcio, a differenza del basket, è davvero il secondo livello nazionale.

    3-mi piacerebbe sapere se gli stessi che sopra lamentano il fatto che i soldi destinati all’organizzazione della partenza delle Tre Valli avrebbero potuto salvare la Robur, sono gli stessi che quando si parlava di rinascita dell’Fbc sottolineavano il fatto che non un solo centesimo pubblico si sarebbe dovuto usare per questo progetto.

    4-Legato al punto 3 concordo che nessun centesimo pubblico debba essere destinato a finanziare realtà sportive. L’unico compito dell’amministrazione deve essere quello, se richiesto (non a mezzo stampa sulla tua testata Sara, ma con una serie di incontri e programmazioni fatte di persona), di aprire un tavolo di trattative con eventuali imprenditori locali per provare a sensibilizzarli. Gli unici soldi che l’amministrazione deve spendere in materia sportiva sono quelli per le strutture sportive comunali, ovviamente nel limite delle possibilità.

    5-Personalmente sarei stato prontissimo a mettere il mio euro e cinquanta, magari anche i 10, 20 o 50 euro. Ma quanti di quelli che commentano sopra sarebbero stati disponibili a farlo? Ricordo che per 5 lunghi anni non si è trovato nemmeno un imprenditore disposto a mettere poche migliaia di euro per far ripartire l’Fbc Saronno (il cui blasone fra gli addetti ai lavori, nonostante la vostra ironia, parla da se) da una 2° o una 1° categoria

    Forza Robur, Forza Fbc e Forza tutte le realtà sportive locali!!!

  8. Triste vedere che la squadra di basket cittadina rinuncia a partecipare alla categoria superiore dopo aver vinto il campionato. E’ successo più volte anche nel calcio all’FBC segno che questa “malattia” tutta saronnese non è passata.
    Amareggiatissimo invece quando si leggono certi post che parlano a sproposito e male dell’FBC Saronno, (ma ne parlo in un commento ad un altro articolo ) bisognerebbe avere rispetto di un nome che a diritto è nella storia del calcio, tra le prime squadre fondate in Italia e fra le poche ad aver fornito direttamente giocatori alla nazionale ( seppur nel lontano 1921)
    Poi sono Pienamente daccordo con quanto scritto Flavio, anche se a mio avviso, l’amministrazione comunale dovrebbe si garantire al minimo l’agibilità delle strutture ma dare la possibilità anche di favorire tramite convenzioni e/o accordi, che le stesse società sportive possano a loro spese avere la possibilità di migliorare le strutture adattandole alle proprie esigente (insomma una gestione pubblica/privata) e ai propri interessi, ovvio senza snaturarne la funzione principale.

    • rappresenta anche un nuovo punto di partenza per lavorare su una delle nostre eccellenze, gli atleti saronnesi, permettendo loro di esprimersi sempre più al meglio.

      Alludi a questa frase (che mi sembra assai vuota, visto quello che è successo)??

  9. Forse non vi siete accorti ma in un paesino vicino vicino a Saronno c’è una ditta liquorosa che si vanta in tutto il mondo di venire dalla città degli amaretti e che non ha mai di aiutare le associazioni sportive cittadine anzi si sono fatti la loro squadra di calcio nel paesino vicino vicino…
    Poi abbiamo una ditta di illuminazione con tanto di Senatore che non mi sembra abbia mai fatto qualcosa per la città degli amaretti…
    E chissà quanti altri….Si chiamano Sponsor e a Saronno non ci sono!

    • c’è la crisi
      hahahaha
      hai ragione
      forse la “Politica” quella vera quella fatta dalla passione dal coraggio da una visione prospettica d’insieme avrebbe dovuto fare da trait d’union tra gli sponsor e lo sport
      è quindi evidente che non c’è “Politica” e cultura

  10. come al solito in Italia la colpa e’ sempre degl’altri… Il Comune, FBC, i suoi tifosi brutti e cattivi… Analizziamo pero’ un po’ i fatti (sperando di non fare errori):

    1) l’anno scorso perdiamo la finale dei play off: la squadra e’ comunque “oggettivamente” forte.
    2) manteniamo e miglioriamo la squadra d’estate
    3) quest’anno vinciamo tutto il girone d’andata, giochiamo per la coppa italia…
    4) iniziano i play off che giochiamo e vinciamo.

    allora faccio una domanda… non e’ che manca un po’ di programmazione finanziaria nella dirigenza della ROBUR BASKET? Si inizia a cercare uno sponsor per la B quando fra la finale e l’iscrizione c’e’ poco tempo? Non si poteva fare prima?

    PS: alcuni persone della dirigenza ROBUR sono le stesse di quando giocava il ns. grande americano… Le possibilita’ economiche sono le stesse da 30 anni e piu’ della C non si puo’ fare.

Comments are closed.