25052016 carabinieri polizia locale stazione ceriano saronno seregno (3)SARONNO – Brutta avventura per uno studente di 14 anni sulla treno Saronno-Seregno: dietro di lui nella città degli amaretti alle 13.30 dell’altro giorno erano saliti anche tre nordafricani, che probabilmente lo hanno tenuto d’occhio durante il breve viaggio, quando è sceso alla stazione di “Ceriano Groane” lo hanno seguito, raggiunto e gli hanno puntato il coltello alla gola, intimandogli di consegnare il telefonino. Il ragazzino si è opposto ed allora prima di scappare lo hanno preso a schiaffi e pugni.

Sono poi intervenuti i passanti, i malviventi sono scappati nei vicini boschi del vicinissimo Parco Groane riuscendo a dileguarsi, il giovane – residente a Limbiate – è stato portato in ambulanza all’ospedale di Saronno per essere medicato, non ha subito gravi contusioni. Ora indagano i carabinieri e la polizia ferroviaria che hanno anche preso in consegna le immagini delle telecamere di sorveglianza della stazione e lungo la rete di Trenord, obiettivo identificare i responsabili della tentata rapina.

02072016

16 Commenti

  1. in questi casi i benpensanri cattocom non si sentono mai…eppure si tratta delle risorse che tanto amano.

  2. La tratta Sereegno Saronno è terra di nessuno. E’ piena di bande di pseudo bulli latin king che girano sui treni con lo stereo e rompono i coglioni alla gente. Ma quand’è che questa genta verrà presa a sprangate non aspettate che poi un pò di italiani si organizzino…..

  3. tutti qui a delinquere allegramente evviva!! tanto anche se li prendono non gli fanno nulla. Anzi. Se il ragazzino si fosse difeso sarebbe andato nei casini legali per aver malmenato un povero profugo che scappava dalla guerra…tanto sono TUTTI profughi.

  4. E’ ora di finirla questo povero ragazzino sara’ traumatizzato per sempre! In 3!!!
    Via tutti a calci non ci interessano queste risorse ne abbiamo gia’ dei nostri

  5. L’avevo lasciato un commento. …ma non è stato pubblicato . Perché? Tra l’altro era formato da due parole, più corto di così. .

    • Non è stato pubblicato perchè su questo sito c’è una censura a livello del regime cinese

  6. W tutte quelle persone che sono pro accoglienza, sulle loro coscienze devono esserci anche le 9 vittime Italiane cadute in Bangladesh. Continuiamo ad accogliere e aiutare cani e porci annullando i nostri modi di fare, cultura, religione, ecc. Faremo veramente una brutta fine.

  7. Ma vorrei capire: sui treni ci sono le telecamere (e se non ci sono basta metterle) quando il capotreno vede ( e deve vedere) in crimine DEVE FERMARE il treno NON aprire le porte e chiamare i carabinieri. Troppo facile ? Basta avere voglia e ….non sbattersene…

    • Il ragazzo è stato rapinato in stazione, non sul treno (anche se da persone che lo avevano probabilmente seguito sul treno).
      In ogni caso le telecamere sui treni ci sono, ma il personale a bordo non può controllarle continuamente perchè sono tante viste le dimensioni dei treni.
      Certamente servono maggiori controllo a bordo dei treni anche per permettere ai controllori trenord di fare il loro lavoro in sicurezza. Ma il problema è un altro: fino a qualche anno fa queste cose non succedevano ! Poi con l’immigrazione incontrollata e le nostre leggi per cui anche se uno viene arrestato dopo 2 giorni è fuori…

  8. È risaputissimo che la s9 è così, basta farsi due domande sui treni cè sempre la polizia di stato, il tutto arriva dalla così detta SNIA zona di cesano maderno groane piena di criminalitá solo come scendi dal treno sembra di essere a secondigliano

Comments are closed.