SARONNO – Scatterà oggi pomeriggio alle 15 la riapertura della zona a traffico limitato. Si tratta di una sperimentazione fortemente voluta dal sindaco Alessandro Fagioli, che l’ha inserita nel suo programma elettorale e ne ha fatto uno dei suoi cavalli di battaglia.

Ecco un piccolo vademecum con le informazioni del caso.

OBIETTIVO: combattere il degrado e l’insicurezza della tra via De Gasperi e via La Malfa e offrire nuovi posti auto, a pagamento, ma direttamente nel cuore di Saronno

L’AREA INTERESSATA: si potrà entrare da via Cavour proseguendo lungo l’arteria fino all’incrocio con via Micca. Qui ci sarà l’obbligo di svoltare a destra costeggiando piazza Volontari del Sangue, Piazza De Gasperi, piazza La Malfa. A questo punto svolta a sinistra in vicolo del Caldo con l’obbligo di proseguire lungo piazza Schuster fino a vicolo Pozzetto. L’arteria è diventata un senso uno che porterà gli automobilisti fino all’incrocio con piazza De Gasperi. Qui svolta a sinistra verso via Micca da dove si usce dalla zona a traffico limitato.

ORARI: la Ztl sarà aperta dalle 15 alle 24 dal lunedì al venerdì.

PARCHEGGI: nelle ultime ore sono stati realizzati 20 nuovi stalli (disegnando le righe blu sulle mattonelle). Complessivamente ci saranno 60 stalli di sosta a pagamento (righe blu) e 58 dedicati ai residenti.

COSTI: la sosta sarà consentita per un massimo di 2 ore con un costo di 2 euro all’ora. Sarà possibile pagare con i due parcometri posizionati. In vicolo Pozzetto e piazza De Gaspari, con l’app Easypark o con il Telepass

DURATA: la sperimentazione partirà oggi lunedì 18 luglio e continuerà fino al 14 ottobre.

COMMENTI: dal mondo politico sono arrivate diverse prese di posizione contro l’idea di riaprire la Ztl. Fra gli altri hanno bocciato il progetto Luciano Silighini Garagnani (l’Italia che verrà), Francesco Licata (Pd), Movimento 5 stelle Saronno ed Attac Saronno.

18072016

8 Commenti

  1. si chiama voto di scambio….. tra l’altro non mi risulta che in quella zona si siano mai verificati fatti di cronaca gravi che invece si ripetono (ne leggo anche oggi) in zona stazione dove il traffico è sempre stato aperto.

    Chissà la sperimentazione su cosa si basa: ad esempio sul confronto tra fatturati dei bottegai?? o sul sicuro fallimento della giostrina bambini??

    Per quattro voti dei bottegai chissà quanti voti dei residenti perderà, residenti che non sono stati consultati.

    • Sono quei 4 voti dati a SAC. Sono questi i voti che Fagioli fa pesare per mantenere in carica l’assessore al commercio in quota SAC.

  2. …..totale fallimento per il sig Fagioli e giunta relativa…ma i negozianti mi chiedo…sarò ingenua…in quale modo saranno beneficiati?Finora con il solo accesso ai pedoni e alle bici hanno potuto usufruire delle soste..in tranquillità davanti alle vetrine…ora sarà tutto più complicato se non impossibile.Mi chiedo anche chi andrà a parcheggiare in un area dove si fa fatica a muoversi comunque e con ogni mezzo tra marciapiedi e quant altro?

    • In effetti, la vita dei neopatentati o motodotati o motorinizzati sbarbati, inizia alle 23.00 impossibile che vadano in piazza de Gasperi e ne escano prima delle 24.00. O si osa di più e si estende almeno fino alle 2.00 altrimenti che senso ha?

  3. Tutto ciò é veramente assurdo..le zone interessate dovrebbero rimanere zone pedonali..e non diventare un covo di aria irrespirabile!
    Lo spazio in quelle vie é troppo ristretto e durante i weekend sarà impraticabile..

  4. ISTRUZIONI
    che ricordano le Barin(iane), istruzioni d’uso della corsia gialla centrale di via Varese.
    Fare qualcosa con indicazioni chiare e magari cavalletti che in questi primi giorni impediscano di entrare in vie non permesse rischiando sanzioni, già comminate ieri ai distratti. A no, scusate, dimenticavo, pza de Gasperi verrà usata come bancomat dall’amministrazione, spremendo gli automobilisti (residenti e non) con parcheggi e multe salate.

    PS
    barbara, durante i Week End NON si potrà accedere in auto, almeno per ora.

Comments are closed.