GERENZANO – Dopo che il consigliere al Commercio ed attività produttive, Marco Franchi di Forza Italia, ha deciso di restituire la delega al sindaco Ivano Campi per disaccordi in particolare sul nuovo Piano di governo del territorio, con un comunicato unitario l’Amministrazione civica fa sapere il proprio punto di vista.

Lo pubblichiamo intergralmente.

Il lavoro continua, come sempre.

La scorsa settimana abbiamo ricevuto la lettera con cui il consigliere Franchi rimette la propria delega nelle mani del sindaco Campi. Per l’Amministrazione comunale questo fatto non comporta nessun cambiamento poiché sono mesi che il consigliere Franchi non partecipa al lavoro di condivisione e di confronto che ogni settimana la nostra lista svolge. Tutte le iniziative di sua competenza sono da parecchio tempo gestite da altri consiglieri, vista la sua totale assenza dagli incontri di maggioranza: il rapporto con l’Unione esercenti, che ha prodotto una marea di iniziative per il paese di Gerenzano, è già da tempo gestito dal consigliere Monica Mariotti, il Distretto attrattività turistiche (Dat) è in capo al vicesindaco Pierangelo Borghi e il Piano del commercio è un tema seguito dall’assessore Emanuele Pini.

L’unica iniziativa che non ha visto un seguito, e per questo ci scusiamo con i diretti interessati, è il Tavolo tecnico del commercio, che dopo una prima positiva riunione, si è arenato perché il consigliere Franchi, nonostante i ripetuti solleciti, non ha mai convocato una seconda assemblea. A differenza di tutti gli altri consiglieri e degli assessori, che fin dal primo istante del mandato amministrativo si sono dati da fare, l’apporto del consigliere Franchi è andato via via scemando. A volte la sua attività è stata perfino negativa e l’Amministrazione ha dovuto intervenire per mediare con altri interlocutori a fronte delle sue estemporanee iniziative. Le gaffes nei confronti dell’Inter Club in campagna elettorale e del Comitato Pro Varesina bis, frutto di azioni mai condivise con nessuno della maggioranza, sono circostanze che evidenziano la mancanza di interesse per un lavoro concreto a beneficio dei gerenzanesi.

Lo stesso sindaco ha ricevuto lamentele da parte dell’Unione esercenti che, giustamente, sottolineavano la sua assenza organizzativa, salvo apparire sui giornali dopo che le iniziative erano state svolte. La sua posizione sul Pgt è scollegata dalla realtà dei fatti, visto che non hai mai partecipato alle riunioni di maggioranza su questo tema. L’argomento è senza dubbio a lui sconosciuto, testimone ne è il fatto che attribuisca a questa Amministrazione la paternità del piano attuativo al confine con Saronno, dove sorgeranno Lidl e Mc Donald, invece approvato dalla precedente amministrazione leghista. La nostra Amministrazione ha anzi ridotto del 30 per cento le volumetrie previste nel comparto ed è riuscita a collegare l’intervento Tigros al dimezzamento della volumetria sull’area ex Nivea, dove chi ci ha preceduto aveva già incassato e speso ben 600.000 euro oneri che il Comune di Gerenzano avrebbe diversamente dovuto restituire. Numerose sono le sue dichiarazioni ai giornali in cui afferma che i nuovi edifici commerciali non sono saranno un problema per i negozi di Gerenzano, perché hanno tipologie diverse di clienti. Prendiamo atto della sua ennesima giravolta politica. Le sue contraddizioni sono evidenti e sintomo di una presa di posizione pretestuosa, quasi che fosse finalizzata a trovare il modo per riposizionarsi politicamente in vista delle prossime elezioni, magari per un posto proprio con la Lega che ha sempre pesantemente bistrattato per anni. Se così fosse, la prossima mossa del consigliere Franchi dovrebbe essere quella di dare le dimissioni dal consiglio comunale. Almeno per coerenza.

Il sindaco, la Giunta e tutto il gruppo di maggioranza della lista “Insieme e libertà per Gerenzano” hanno sempre lavorato in sinergia condividendo gli obiettivi, affrontando e superando insieme gli ostacoli. L’unica persona che non è riuscita a lavorare con il gruppo a favore della comunità Gerenzanese è il consigliere Franchi, nonostante abbia sempre avuto sostegno da parte di tutti e ampio spazio di azione. Questo ci spiace moltissimo e riteniamo doveroso considerarlo come motivo di riflessione per tutti noi, incluso il consigliere Franchi.

27072016

1 commento

Comments are closed.