SARONNO – Forse così tanta gente in centro non si era mai vista. Il giovedì saronnese con i negozi aperti, grazie alle condizioni atmosferiche decisamente clementi, ha registrato una presenza davvero imponente di persone, molte arrivate anche da fuori città. E sarà anche la moda del momento, ma certamente la serata si è trasformata ben presto in una sorta di raduno degli amanti dell’ormai celeberrimo “Pokemon go”. Poco dopo le nove un capannello di circa un centinaio di persone si è ritrovato all’inizio di via Padre Monti: non solo giovani, ma anche persone attempate,m tutte armate di telefonino pronte a dare la caccia ai vari personaggi in giro per la città.

E vera caccia è stata, non si sono contate le persone con gli occhi fissi allo schermi del cellulare, in molti ad “esultare” per la cattura” dei vari esemplari, altri a imprecare per il mancato successo o perché la batteria si era esaurita. La caccia ai pokemon è durata per diverse ore, fino almeno a mezzanotte; il gruppetto originario si è sparso durante la serata per le vie del centro.

La mania dei Pokemon ha preso piede ben presto a Saronno, tanto che su facebook sono stati creati anche degli appositi gruppi. E come detto la caccia ai personaggi che si è svolta ieri sera ha letteralmente riempito le vie del centro.

Ma gli eventi erano anche altri, dallo “Marchette scanzonate”, lo spettacolo di cabaret a cura dell’assessorato comunale alla Cultura che si è svolto in piazza La Malfa al festival del ballo, che ha coinvolto molti interessati spettatori, in piazza Libertà. Diversi anche i negozi aperti, con i commercianti che stavolta hanno dimostrato un po’ più di fiducia attendendo l’arrivo di clienti. Che la mania dei pokemon, inevitabilmente, ha comunque portato.

29072016

3 Commenti

  1. io invece penso che tutti sti qui non avevano nulla da fare, ma soprattutto nulla a cui pensare.
    Si vede che stanno tutti bene
    Meno male

  2. Se per ripopolare la vita notturna di Saronno ci vogliono i Pokemon … Siamo proprio alla frutta!

Comments are closed.