SARONNO – Ex macello ristrutturato “dimenticato” da anni, la protesta è adesso “firmata” dagli anarchici, che sono passati di notte ed hanno lasciato due enormi scritte di “denuncia” contro il “padrone di casa”, ovvero il Comune.

In via Don Luigi Monza le opere di riqualificazione dello stabile che una volta era abitazione e studio del veterinario del vecchio macello pubblico sono praticamente concluse, e da parecchio tempo. Ma lo stabile, fino al gennaio 2014 occupato per quattordici mesi dai giovani del Comitato dei senza casa e poi fatto sgomberare dall’allora Amministrazione di centrosinistra per dare il via ad una “rapida” riqualificazione, in realtà è ancora in attesa di inquilini. L’attuale Amministrazione di centrodestra ha annunciato che a breve vi traslocherà il centro per l’impiego, ora in via Milano, ma per il momento il caseggiato è ancora vuota. Ed allora sono arrivati gli anarchici: grande scritta sul lato verso via Montegrappa, “Basta sgomberi” e dall’altra parte un ancora più grande “La vostra legalità lascia spazi abbandonati”, sempre con la vernice spray rossa. Ed ora si dovrà procedere alla ritinteggiatura.

31072016

4 Commenti

    • Ragione di ‘sto ..zzo!

      Dopo aver inutilmente impegnato fondi comunali per il ripristino di una struttura inutilizzata, toccherà a noi (anche a lei) impegnare altri soldi per cancellare la scritta dal muro (che non tornerà mai come prima). Oppure, rassegnarci ad avere una città vandalizzata.

      Perfettamente nello stile di questi vigliacchi, che non avendo la spina dorsale per uscire allo scoperto, si nascondo dietro a slogan preconfezionati, destinati a non si sa bene chi. Peraltro, neppure saronnesi di generazioni.

      Quattro calci in culo ed il problema sarebbe risolto.

  1. L’articolo la dice tutta sulla capacità amministrativa dei vertici proposti al corretto funzionamento della macchina comunale. I primi responsabili di tutto quello che non funziona sono loro. Dovrebbero guardarsi negli occhi e chiedersi se …

Comments are closed.