23112015 lara comi  (3)SARONNO – “La sicurezza nei porti non passa soltanto attraverso i servizi di intelligence e i posizionamenti militari, ma anche nell’attento monitoraggio dei comportamenti delle persone che gravitano nelle aree portuali” Così Lara Comi, l’europarlamentare saronnese intervenuta sulla questione sicurezza. “Una metodologia che già negli Stati Uniti è stata utilizzata per migliorare gli interventi di contrasto e prevenzione agli agguati terroristici, e che anche in Italia deve trovare spazio. Si tratta di uno studio che valuta eventuali dinamiche di rischio mediante un approccio metodologico basato sull’osservazione delle posture facciali degli individui”

Prosegue Lara Comi: “I test condotti dimostrano la validità di questa metodologia, individuando la presenza di possibili terroristi sulle navi da crociera e sui porti. Occorre formare figure specializzate che siano in grado di garantire l’esecutività di questo progetto anche in Italia, così come già avviene oltre oceano. L’auspicio, dunque, è che l’idea sia realizzata a breve. Per questa ragione mi impegnerò immediatamente a sollecitare i ministeri competenti, affinché si attivi un’attenzione vera su questo tema, per tutelare la vita delle nostre comunità con innovazione e concretezza”.

07082016

3 Commenti

Comments are closed.