COMASCO – Avevano compiuto una rapina nel comasco, sono stati arrestati dai carabinieri fra le 7.30 e le 11 di stamane: a finire in manette in monzese di 25 anni, senza occupazione; un 22enne residente a Senna Comasco, operaio, ed un altro operaio di 26 anni che lavora a Legnano ma abita a Monza, i militari sono andati a prenderlo direttamente sul posto di lavoro. Secondo gli investigatori sono proprio loro i responsabili di diversi reati. Innanzitutto della rapina avvenuta lo scorso 18 ottobre a Cantù, ai danni di una 54enne del posto, l’avevano minacciata con un coltello e le avevano preso i 254 euro appena prelevati al bancomat. A loro carico anche il furto di una Fiat Panda, avvenuto il 21 aprile a Senna Comasco, la vettura era stata presa direttamente da un garage privato.

Poi, una tentata rapina ai danni del distributore Eni di via Niguarda a Como, il 21 aprile, quando avevano minacciato i presenti con una pistola, rinunciando poi all’impresa perchè sul posto stava arrivando altra gente. Devono anche rispondere di porto abusivo di armi. Il disoccupato monzese, nel corso di una perquisizione domiciliare, è stato anche trovato un possesso di dieci grammi di marijuana, di un bilancino di precisione e del materiale per il confezionamento delle dosi mentre a casa del 26enne che lavora a Legnano è stata trovata una pistola scacciacani senza tappo rosso.

23082016

2 Commenti

  1. Quindi imparo che dal bancomat si possono prelevare 254 euro ed esiste una casa automobilistica che si chiama Faiat che produce cloni della nota Panda

Comments are closed.