17092016-regina-saluto-associazione-nazionale-carabinieriSARONNO – Da martedì la compagnia dei carabinieri di Saronno è guidata da Pietro Laghezza, ufficiale proveniente da Taranto e che già nei giorni scorsi ha iniziato a conoscere la realtà del Saronnese. Lunedì si sono conclusi, infatti, i 6 anni di comando del capitano Giuseppe Regina.

Dopo l’Amministrazione, sabato sera a salutare il capitano è stata l’associazione nazionale carabinieri con una sentita cerimonia a Villa Gianetti e la consegna di una targa donata dai volontari.

Regina era arrivato a Saronno il 19 ottobre 2010 ed aveva iniziato la propria attività operativa con la gestione dell’ordine pubblico di una manifestazione “non autorizzata” degli studenti.

In questi 6 anni sono stati molti gli interventi su questo fronte (occupazioni, sgomberi e manifestazioni) ma anche le operazioni contro la criminalità organizzata che hanno toccato il proprio apice con i blitz “San Marco” e “Free pass“.

Purtroppo non sono mancati i delitti a partire da quello di Angela Granomelli, risolto dalle indagini della compagnia in poco meno di un mese e il duplice omicidio di Venegono Inferiore il cui colpevole è stato identificato in meno di una settimana. Tra i risultati da ricordare anche il blitz per smantellare la banda di baby rapinatori che agivano con la pistola con il colpo in canna e le due maxi operazioni che hanno portato alla denuncia di decine di spacciatori e all’arresto del Re Scorpione punto di riferimento della microcriminalità del Saronnese. Decisamente operative anche le ultime ore nel Saronnese del capitano, sempre presente anche ai principali momenti della vita sociale, culturale e religiosa della città, visto che lunedì ha gestito il presidio e la trattativa con i profughi del centro di Cascina Regusella ad Uboldo.

1 commento

Comments are closed.