SARONNO – E’ stato presentato stamattina davanti ad un parterre di autorità (dal vicesindaco Pierangela Vanzulli all’assessore Dario Lonardoni senza dimenticare il presidente del consiglio comunale Raffaele Fagioli), consiglieri comunali (Pescatori, Borghi, Veronesi, Codega, Sironi, Casali) e rappresentanti delle associazioni sportive la nuova stagione sportiva del Palaexbo.

A fare gli onori di casa Alberto Canciani, presidente di Saronno Servizi, l’ex municipalizzata che ha in gestione la struttura di via Piave una volta ex bocciodromo trasformato in struttura polivalente e dedicata a Claudio Bonaiti.

La necessità di un rilancio e della valorizzazione dell’impianto è stato il punto focale dell’intervento del presidente. “L’ex bocciodromo offre ai saronnesi una nuova sede per la pratica sportiva, per l’attività ludico motoria di ragazzi ed adulti”.

Nel corso dell’estate non sono mancati gli interventi: dalla realizzazione dell’impianto fotovoltaico sul tetto dell’impianto all’eliminazione delle barriere architettoniche. Sono stati realizzati un ascensore ed è stato ripristinato lo scivolo laterale per l’ingresso degli atleti e disabili con le pendenze regolamentari.

Ma i cantieri non sono finiti: a breve, dopo l’approvazione in consiglio comunale dell’intervento, partiranno i lavori per il trasferimento della pista di pattinaggio sul ghiaccio da via Miola al giardino del Palaexbo.

“Ci sarà una colata di cemento per la base seguita dallo spostamento della copertura della pista – conclude il presidente Canciani – per l’intervento non saranno danneggiate le piante dell’area verde”.

L’obiettivo è quello di completare la proposta sportiva della struttura ma anche di sfruttare la visibilità della pista di pattinaggio che nell’ultima stagione ha registrato oltre 5 mila ingresso per promuovere il palaexbo.

L’impianto ha una potenzialità di 30 mila accessi l’anno e tutti gli interventi, il potenziamento della proposta di corsi, i legami stretti con un numero maggior numero di associazioni puntano proprio ad aumentare l’utilizzo dell’ex bocciodromo

“Su questo fronte – ha rimarcato il vicesindaco Pierangela Vanzulli – la Saronno Servizi è il braccio armato del Comune. Contiamo su di loro per gestire al meglio l’impianto, per offrire un servizio alla città in termini di aggregazione e per il mantenimento di uno stile di vita sano. Ovviamente è importante anche la sostenibilità economica della proposta”.

Il plauso per l’abbattimento delle barriere architettoniche e gli in bocca al lupo per una stagione ricca di presenze e soddisfazioni sono arrivati anche dall‘assessore allo Sport Gianpietro Guaglianone impegnato con un altro evento ma entusiasta delle novità per l’ex bocciodromo: “Più volte le società e i cittadini ci hanno ricordato quanto gli impianti saronnesi abbiano bisogno di interventi, investimenti e manutenzione. Da un anno come Amministrazione dedichiamo impegno ed attenzioni alle nostre società, ai nostri sportivi e compatibilmente con le risorse economiche siamo all’opera anche sugli impianti. Il Comune sta lavorando per lo stadio comunale e il Paladozio ed è importante che anche dalla Saronno Servizi arrivi un contributo con il potenziamento dell’Exbo che in questo modo aumenta l’offerta e l’opportunità di avvicinarsi ad una pratica sportiva dei saronnesi”.

24092016

16 Commenti

  1. Tutto l’H.Q. della Lega presente all’alzabandiera compreso il furiere Elio. A tutti gli altri l’evento interessava poco o nulla!

      • Se rivolto a me hai inteso male poichè sono un fautore padano. La mia considarazione era rivolta agli assenti ingiustificati della sinistra che dovrebbero far proprio lo spirito dello sport prima di tutto anche se a proporlo questa volta tocca all’opposta vincente fazione.
        Comunque se la tua citazione era rivolta agli assenti, mai fu così opportuna!

        • Caro fautore padano, i lavori iniziati senza autorizzazione sono abusivi, con un esposto alla procura si va nel penale

          • Quelli di prima e prima-prima facevano i lavori senza autorizzazioni e senza passare dal consiglio comunale.
            Esposti alla procura? Zero
            Denunce penali? Zero
            Processi penali? Zero

        • Si, era per gli assenti che non si rassegnano alla sconfitta ed alla nuova gestione verde.

  2. Il pala ex.bo esprime il concetto della Saronno degli ultimi quindici anni. Paroloni e tanta sporcizia senza bellezza. Quel luogo é fatiscente, abbandonato e mal gestito.
    Bar scandaloso che non finisce mai una stagione, polvere e disordine ovunque. Lavori incompiuti e senza logica.
    Quest’anno Cambrian tutto? Guardiando le foto solita tristezza. Come so puô organizzare una presentatione con alle spalle tutte le sedie e i tavoli accatastati? Si sente anche la puzza dellla fogna.

  3. Pista di pattinaggio, lavori già iniziati senza autorizzazione…vergogna…

  4. bene…ennesimo ammodernamento alla struttura che non decolla mi piacerebbe sapere quanti soldi sono stati investiti negli ultimi 5 anni e quanti sono stati i ricavi e mi piacerebbe vedere due soldi spesi per una struttura che funziona e che ha veramente bisogno di essere rinnovata mi riferisco alla piscina comunale

  5. Ultimamente si parla solo di sport, sicuramente un aspetto importante… Ma il degrado e la poca sicurezza, dovrebbero essere “la priorità”. Poi mi sorgono parecchi dubbi, ma a Saronno si parla sempre delle solite facce? Magari parlare di ciò che fa’ veramente notizia e di ciò che è veramente importante!

  6. Con o senza autorizzazioni l’importante è che le cose si facciano non come quelli di prima

Comments are closed.