SARONNO – I presidenti dei Lions saronnesi hanno incontrato i responsabili del Banco alimentare di Saronno e visitato le strutture del sodalizio, in arrivo una stretta collaborazione per i bisognosi.

“Grande impegno dei presidenti dei tre club Lions saronnesi che hanno voluto unirsi per meglio conoscere l’attività del Banco alimentare – viene rilevato in un comunicato a firma Lions – Questa è l’associazione che da anni opera nella raccolta di generi alimentari da distribuire, a livello multiregionale, a famiglie o singole persone impossibilitate a procurarsi autonomamente il cibo necessario a vivere. Durante la visita i presidenti dei tre Lions si sono impegnati a svolgere azione di promozione e sostegno a questa fondamentale attività. I numeri dei bisognosi e, in particolare dei bambini, che anche nelle nostre ricche zone, possono vivere solo per il supporto del Banco alimentare è veramente elevato e, sarà impegni dei Lions, operare affinché tutti ne diventino coscienti”.

Alla visita c’erano per il Lions Saronno Host Silvana Bergamini, per il Lions club Saronno Insubria Giorgio Sala e per il Lions club Saronno del teatro Carlo Montemerlo.”Molte delle iniziative promosse quest’anno dal nostro club – ha sottolineato Bergamini – saranno indirizzate a vantaggio di questa impareggiabile iniziativa”. D’altra parte uno dei fini fondamentali dell’attività di tutti i Lions è il “sostegno alla vita” con particolare riguardo alle fasce più deboli della popolazione.

(foto: alcuni momenti della visita)

20102016

1 commento

  1. Sono molto felice di questa notizia. Vorrei solo segnalare che durante la mia annata di presidenza del Lions Club Saronno Host nel 2004-2005 uno dei service principali fu dedicato al sostegno della neonata Mensa di Betania tramite un contributo economico e la partecipazione di numerosi soci alla giornata nazionale della Colletta Alimentare, partecipazione che è proseguita a titolo personale anche negli anni successivi da parte di molti amici lions. Di riscoperta dunque più che scoperta si dovrebbe parlare.

Comments are closed.