polizia locale saronno (6)SARONNO – “Mi scusi ho trovato questo portafoglio in un bagno dell’ospedale. Ci sono soldi e documenti. Potrebbe restituirlo lei alla proprietaria io non so leggere in italiano e non saprei come rintracciarla”. Così ieri pomeriggio intorno alle 17 uno straniero ha consegnato ad un agente di polizia locale in servizio in centro un portafoglio smarrito poco prima da una saronnese.

L’uomo l’aveva trovato in uno dei bagni pubblici dell’ospedale di piazzale Borella ed aveva pensato di consegnarlo alle forze dell’ordine. Stava recandosi dai carabinieri in via Manzoni quando ha incrociato un agente della polizia locale. Così gli ha spiegato l’accaduto. Aveva trovato il portafoglio, sicuramente dimenticato dalla proprietaria visto che conteneva ancora i soldi e tutti i documenti, ma non sapendo leggere l’italiano non sapeva come restituirlo. Il vigile ha ringraziato lo straniero ed ha preso in consegna il portafoglio. Sono subito iniziate le ricerche per risalire alla proprietaria a cui l’effetto personale è stato consegnato in meno di un’ora.

24102016

11 Commenti

    • Facciomolo santo subito allora! ?Come e comunque una Rondine-RISORSA non fa primavera, come una Pecora-RISORSA nera non fa un gregge!

  1. Peccato che una cosa che in teoria dovrebbe essere l’unica da fare, l’unica possibile, ci risulti ora come assolutamente eccezionale.
    Grazie mille a questa brava persona in ogni caso.

  2. Davvero !! una cosa normale civile viene passata come eccezionale!!!!
    come siam messi!!!!!!

  3. Un plauso va fatto alla brava persona a prescindere sia oriundo o straniero. Bisogna sempre giudicare i fatti e le persone nella loro singolarità, non facendo di ogni erba un fascio e generalizzando.

  4. si generalizza perche’ la maggior parte di gente che : scippa ruba ecc.. sono stranieri extraeuropei …. per me stranieri sono loro non certo tedeschi ,francesi…

    • Di tutti i connazionali emigrati negli USA i giornali parlavano solo di quelli come Al Capone, delle migliaia di Italiani che si sono costruiti una vita onesta non c’è traccia.
      Oggi da noi la situazione è simile

Comments are closed.