GERENZANO – Trent’anni di reclusione, questa la pena per Angelo Barberio che il 12 aprile 2015 nella sua casa in corso dei Mille, in centro a Gerenzano, aveva ucciso la ex moglie Francesca Le Pera, di 39 anni. Quella mattina c’era stato un litigio nell’abitazione dove l’uomo, dopo la separazione, vive con i due figli. Barberio, muratore 43enne, è stato giudicato in questi giorni dal giudice per le udienze preliminari del tribunale di Busto Arsizio, che ha deciso di accogliere le richieste del pubblico ministero Nicola Rossato.

12042015 omicidio gerenzano (26)

Francesca fu accoltellata, poi l’uomo rivolse l’arma contro di sè, ferendosi ma non gravemente: sul posto accorsero i carabinieri della Compagnia di Saronno e quelli della “scientifica” di Varese. La scelta processuale di Barberio era stata quella del rito abbreviato e dunque la sentenza è stata emessa direttamente al giudice per le udienze preliminari, Luisa Bovitutti.

(foto: le forze dell’ordine in via Quarto dei mille subito dopo il delitto)

05112016

1 commento

  1. così mettiamo a posto le statistiche sulla criminalità, su chi fa che cosa.

    Ma questa è una risorsa autoctona…vietato commentare

Comments are closed.