SARONNO – Ieri sera in piazzetta Portici con la casa del borgo contadino e gli animali, dalle galline alle oche senza dimenticare i coniglietti, i figuranti del gruppo Sant’Antonio di Saronno hanno animato il centro. Una presenza apprezzatissima soprattutto perchè accompagnata da vin brulè e polenta calda andata letteralmente a ruba. Viste le temperature decisamente invernali sono stati molti i saronnesi che si sono fermati allo stand: i piccoli affascinati dagli animali e i grandi dalla possibilità di godersi una “calda” pausa.

Ad accoglierli i figurati con tanto di tabarro e cappello pronti a raccontare in anteprima il programma della prossima edizione della tradizionale sagra che tornerà a gennaio. “Siamo alla decima edizione – spiega Giacomo Palumbo – ed abbiamo in cantiere tante novità per i diversi momenti della nostra festa, dal corteo alle proposte del sabato. Ma soprattutto abbiamo in programma di aumentare il coinvolgimento delle scuole e dei più piccoli perchè uno degli obiettivi della nostra festa è proprio quello di tramandare le nostre tradizione alle future generazioni”.

11122016

2 Commenti

  1. Poi passiamo all’integrazione e con la polenta mi aspetto un “sano” a km 0 ..kebab! ?

    • si si, e da festa di Sant’Antonio diverrà festa di Halhamabahkarah…. w l’integrazione!

Comments are closed.