UBOLDO – “Il Tar ha rigettato completamente i ricorsi della Società Agricola S.Anna S.r.l. riguardo la vicenda profughi e le ordinanze emesse dall’ufficio tecnico per gli abusi edilizi e da me per lo sgombero del centro. Il Comune di Uboldo aveva quindi ragione su tutti gli atti prodotti che, a questo punto, producono effetti.
Stasera in Consiglio Comunale ragguaglierò meglio”.

Con questo breve annuncio sulla propria pagina Facebook il sindaco Lorenzo Guzzetti ha annunciato la sentenza del Tar in merito alle ordinanze emesse nel settembre scorso sulle irregolarità riscontrate nel centro d’accoglienza allestito alla Cascina Regusella dove sono ospitati un centinaio di profughi.

Il sindaco aveva così spiegato come si era arrivati ai provvedimenti: “Essendo scritto chiaramente che questi richiedenti asilo possono chiedere la residenza nei Comuni dove si trovano, con tutte le conseguenze del caso, è dovere del Comune verificare, come in tutti i casi, che ci siano le condizioni per poter concedere una residenza. Noi abbiamo verificato e vista la situazione non abbiamo potuto che adottare i provvedimenti consequenziali a tutela, innanzitutto, degli ospiti presenti in quegli edifici”.

Così erano arrivate due ordinanze: una ordinanza per chiedere che fossero demolite alcune strutture che per il Comune sono irregolari e la seconda che vieta tale destinazione d’uso per la struttura, che dovrà quindi essere sgomberata.
La cooperativa aveva presentato ricorso al Tar che però a rigettato ogni istanza, confermando, di fatto, l’operato del Comune.

20122016

6 Commenti

  1. Fratello Guzzetti pure al Tar vince perché è trooooppo giusto. Fratello Guzzetti vince sempre di brutto.

Comments are closed.