SARONNO – “Vogliamo che siano accesi tutti i lampioni del parcheggio della stazione di Saronno Sud non a macchia di leopardo come avviene ormai da diverse settimane”. E’  l’appello che arriva dai viaggiatori che utilizzano il secondo scalo cittadino.

Torna alla ribalta, ancora una volta, il problema della carente illuminazione del parcheggio di via Don Sturzo. Nelle ultime settimane i pendolari che utilizzano la stazione situata accanto alla Cascina Colombara hanno dovuto fare i conti con la presenza di diversi lampioni fuori uso. Le segnalazioni non sono servite a molto tanto che il problema è presente ormai da prima di Natale. “E’ una questione di sicurezza – spiega una pendolare – uscire da una stazione vuota per andare in un parcheggio deserto e scarsamente illuminato o buio non è certo il massimo. Per qualche giorno mi sono fatta luce con il cellulare anche se il rischio di farsi male inciampando o cadendo è reale. A preoccuparmi di più è comunque il fatto che nell’oscurità si possa nascondere qualche malintenzionato”.

A suscitare le vibranti proteste dei pendolari anche il fatto che il problema dell’illuminazione del parcheggio nello scalo di Saronno sud non sia certo una novità. In passato ci sono stati problemi per l’illuminazione accesa 24 ore un 24 seguita da quella del parcheggio avvolto dalle tenebre. Quando l’incoveniente si è presentato per la prima volta si trattava di un guasto tecnico legato alla presenza del cantiere per la realizzazione della stazione interrata di Saronno sud lungo la tratta Saronno-Seregno e poi ci sono stati i problemi creati dai temporali estivi. Nelle ultime due occasioni si è rivelato risolutivo l’intervento dell’assessore ai Lavori pubblici Dario Lonardoni che aveva contattato Ferrovienord facendosi portavoce delle segnalazioni dei pendolari.

(foto archivio)

04012017