ORIGGIO – Grande partecipazione, l’altro giorno, al funerale di Roberto Bernasconi, il 42enne alpinista origgese scomparso tragicamente lo scorso fine settimana, vittima di una caduta sul monte Legnone, fra le province di Lecco e Sondrio.

L’incidente era avvenuto sabato mentre Roberto, esperto e ben attrezzato per la scalata, stava compiendo la discesa dopo avere raggiunto la vetta. La salma era stata ritrovata e recuperata da vigili del fuoco e soccorso alpino solo il giorno seguente e trasferita nella camera mortuaria dell’ospedale di Colico, a seguire i passaggi di rito, con l’esame autoptico e quindi il via libera della magistratura per lo svolgimento delle esequie. Che si sono svolte alla chiesa parrocchiale di Origgio, celebrata dal parroco don Riccardo Pontani, presenti centinaia di concittadini ed amici.  Il sacerdote ha ricordato l’amore che circondava Roberto, testimoniato dai tanti che hanno voluto partecipare al lutto dei genitori e delle due sorelle. Bernasconi abitava con i famigliari a Cascina Muschiona.

20012017