SARONNO – “Il terreno è così compatto e gelato che il mini escavatore non è riuscito a scavare la fossa. Sono andati a recuperare un martello demolitore. Sono in ritardo per problemi legati al gelo e alla compattezza del terreno”.

E’ questa la spiegazione tecnica di quanto accaduto stamattina al cimitero della Cassina Ferrara dove al termine di un funerale celebrato alle 10,30 è arrivato il corteo con la salma senza che fosse pronto lo scavo per la tumulazione.

Ad esprimere il rammarico e la vicinanza dell’Amministrazione per l’accaduto l’assessore ai Lavori pubblici Dario Lonardoni: “Capisco lo stato d’animo dei famigliari e sono a loro vicino nel loro dolore non ci possono essere scuse in questi casi”.
Ma non solo: l’assessore promette di attivarsi per capire cosa non ha funzionato e per risolvere il problema: “Effettuerò le verifiche del caso e metterò in atto quanto necessario per evitare che quanto accaduto non si verifichi mai più”.

21012017

9 Commenti

  1. Il ghiaccio potrà dar fastidio per i primi 30 cm di terra…dopodiché la terra mantiene il calore…quindi a voi la conclusione.

  2. Certo che se avessero fatto la fossa il venerdi c’era tutto il tempo , e non alle 10 del sabato mattina , poi educate gli operatori , a dimenticavo sono stranieri

  3. Propongo una maratona a guardare i programmi su DMAX dove costruiscono le case in Alaska!!

Comments are closed.