SARONNO – Addio alla caccia al posteggio: l’Amministrazione comunale sta concretizzando il piano per l’infomobilità e l’automazione di alcuni delle principali aree di soste cittadina.

Saranno posizionati in città, ed ovviamente all’ingresso dei parcheggi, cartelli luminosi che informeranno gli automobilisti di quanti stalli liberi e dove sono disponibili. Un progetto che viene realizzato nell’ambito del Dat, distretto d’attrattività con un contributo regionale del 50% dell’investimento. A far parte del progetto sono i parcheggi di piazza Saragat, quello che serve soprattutto l’ospedale di piazzale Borella, di via Pola situato a metà strada tra il centro storico e la stazione, l’autosilo di via Milano e l’area di sosta via Primo Maggio.

Per prima cosa sarà realizzata, dove manca ossia in piazza Saragat e in via Primo Maggio, l’automatizzazione dell’area di sosta. Quindi sarà utilizzato un sistema gestionale che contando ingressi ed uscite aggiornerà in tempo reale i cartelloni posizionati agli accesi delle aree di sosta ma anche alle porte della città. “Con questo sistema dovremmo dire addio – ha spiegato in diverse circostanze il sindaco Fagioli – ai serpentoni di auto che girano per la città a caccia di un parcheggio. L’obiettivo è quello di fare in modo che chi entri in città in momenti particolarmente critici sul fronte della sosta: durante gli orari di visita dell’ospedale, in occasione di particolari eventi, dello shopping di Natale o del sabato pomeriggio possa sapere con precisione dove c’è spazio disponibile”.

Il progetto è anche un modo per rilanciare le aree di sosta a pagamento che in realtà in città non sono particolarmente utilizzate dall’autosilo di via Milano al parcheggio di piazza Saragat sottoutilizzato da quando la zona disco, ad opera della precedente Amministrazione comunale, è diventata a pagamento.

foto archivio: il posteggio di piazza Saragat)

03032017

7 Commenti

    • Data la mole di traffico che si registra a Saronno, l’unico modo per poter sperare di trovare un parcheggio è il posteggio a pagamento che, da un lato porta un introito alle casse del comune (e quindi al servizio dei saronnesi) e da un altro scoraggia chi potrebbe benissimo muoversi a piedi.

  1. Togliamo i questuanti da piazza saragat! Non parcheggio lì solo perché non sopporto più essere importunata e inseguita da loro! Ed è pure un parcheggio a pagamento! Se mi fate pagare per la sosta almeno il parcheggio deve essere libero da mendicanti che importunano donne e anziani

    • ma come…e io che pensavo che il generale Sala li avesse sgominati, guidando (con le nuove auto) i suoi baldi giovani poliziotti in trincea.

      Vedo che non è così e questo giornaletto si guarda bene dall’andare a vedere. News alla Saronnese

  2. Ne approfitto x segnalare che il parcheggio di via L.eonardo da vinci nei numero civico 13 e 15 sono i pendolare che vanno in stazione lasciando l’auto tutto il giorno creando problemi ai residenti che devono andare a cercare posto penso che sarebbe ora di mettere posteggio consentito x 2 ore esclusi residenti con bollino sul vetro dell’auto.

Comments are closed.