LONATE CEPPINO – Con una perquisizione i carabinieri della compagnia di Saronno hanno trovato il topicida e i cioccolatini con cui un 47enne ha realizzato i bocconi avvelenati che sono quasi costati la vita al cane della sua vicina.

Ecco la ricostruzione dell’accaduto realizzata dai carabinieri. Tra la proprietaria del cane e il vicino 47enne c’erano state nel corso degli anni molte discussioni sui temi più diversi. Un rapporto di vicinato decisamente movimentato che ha avuto il suo culmine in un vero e proprio raid notturno. Una mattina, uscendo di casa, la donna ha trovato sulla porta del garage due grandi croci grigie realizzate con vernice spray. Poco distante il suo cane era agonizzante con accanto alcuni bocconi avvelenati.

Soccorso il proprio amico a quattrozampe che ha superato l’episodio, la donna si è rivolta alle forze dell’ordine che hanno avviato le indagini ed effettuato la perquisizione a casa del vicino di casa.
Qui hanno trovato della vernice grigia che corrispondeva con quella dell’imbrattamento. Inoltre nell’abitazione c’era un topicida ed una scatola di cioccolatini entrambi identici a quelli utilizzati per realizzare i bocconi avvelentati che potevano costare la vita al cane.

Così, terminate le indagini, l’uomo è stato denunciato a piede libero per maltrattamenti e imbrattamenti.

16032017