GERENZANO – “Il problema non è solo il mancato contributo economico ma l’assenza di risposte. Come cittadini pensiamo di meritare almeno una risposta dell’Amministrazione comunale”. Così i residenti del complesso residenziale “I tigli” tornano a chiedere al Comune un aiuto per i costi sostenuti per la realizzazione di un collegamento fognario per l’adeguato smaltimento dei liquami fognari.

E’ una vicenda che si trascina da anni: la zona quella di via Vespucci al confine con Turate ha avuto in passato diversi casi di allagamenti in occasione di abbonandi piogge e anche per ovviare a questo problema i residenti hanno provveduto “a proprie cure e spese” alla realizzazione e posa di una tubatura idonea a collegare il proprio complesso residenziale alla rete cittadina. Un intervento che se da un lato ha risolto molti problemi dall’altro è stato completamente a spese dei residenti.

“Abbiamo avuto un incontro con l’Amministrazione comunale che ci ha detto che non c’erano fondi per questo intervento ma che se avessimo provveduto avrebbe cercato di darci un contributo appena possibile”. Il condomino ha speso oltre 13 mila che ha documentato all’Amministrazione comunale ma senza avere mai risposta. “Non solo non è arrivato il contributo ma neanche una risposta – continuano i residenti – abbiamo scritto nel luglio e nel dicembre 2016 ma mai nessun riscontro è arrivato ad oggi dal Municipio”.

Comprensibile la sensazione di sconforto dei residenti: “Siamo una zona periferica di Gerenzano è vero ma abbiamo gli stessi diritti degli altri residenti quanto meno il diritto ad avere una risposta e a sapere perchè non ci sono fondi per un intervento quanto mai necessario visto le tante volte in cui in passato sono dovuti intervenire i vigili del fuoco e la protezione civile”.

26032017