SARONNO – Preso l’accoltellatore ma anche l’accoltellato del Parco del Lura: i carabinieri; sono due spacciatori. Il ferito, appena dimesso dall’ospedale, era tornato alla sua attività: è stato ieri rintracciato e bloccato ieri mentre passeggiava in centro a Milano. A finire in manette per spaccio di sostanze stupefacenti è stato S.C., marocchino di 34 anni in Italia senza occupazione e fissa dimora, che era ricercato da tre mesi.

Il 28 marzo dell’anno scorso S.C. era stato accoltellato nel Parco del Lura, in territorio di Lomazzo, al pari di di un connazionale.. Trasportato con l’elisoccorso all’ospedale Sant’Anna di Como era rimasto diversi giorni fra la vita e la morte ma poi si era ripreso. Successivamente era stato rintracciato ed arrestato il suo aggressore, G.L., tunisino di 41 anni, che aveva agito nell’ambito di un “regolamento di conti”; ed altri due marocchini risponsabili di un vasto “giro” di spaccio al dettaglio, L’ultima novità è che S.C., ripresosi dalle ferite, era ultimamente tornato nel Parco Lura a spacciare. Qualche giorno fa sempre nei boschi comaschi del Parco Lura i carabinieri hanno sequestrato 200 grammi di droga fra cocaina, eroina ed hascisc, trovando anche quattro coltelli, bilancini di precisione e sostanza da taglio.

(foto: armi e droga sequestrate)

28032017

3 Commenti

  1. Chissà come mai gli spacciatori sono SEMPRE extracomunitari, magrebini in particolare.
    Siamo noi che siamo razzisti o sono loro che sono delinquenti?

Comments are closed.