SARONNO – Sono stati 1061 i votanti al seggio per le primarie del Pd allestito a Villa Gianetti.

I risultati hanno visto: 808 voti per Renzi (76,37%), 250 Orlando (23,67%). Tra i saronnesi che si sono recati alle urne l’ex sindaco Luciano Porro e l’ex presidente del consiglio comunale Augusto Airoldi ed anche il deputato Gianfranco Librandi. In prima linea non solo gli attivisti della mozione Renzi ma anche i consiglieri comunali del Pd.

“Abbiamo raggiunto la prima tappa di quello che sarà un lungo cammino. Ora inizia la scalata più dura e tortuosa, la sfida per la buona guida del paese – commenta il capogruppo cittadino Francesco Licata – Partiamo tosti e con gambe forti grazie all’ottimo risultato dell’affluenza e ad un nuovo segretario, Matteo Renzi, legittimato da un larghissimo consenso. Ora cominciamo a disegnare, colori e pennello, il futuro dell’Italia”.

E non manca una lettura cittadina: “Anche Saronno farà la sua parte con la grinta che ci contraddistingue, forti dei nostri 1061 votanti. Un ringraziamento e soprattutto un abbraccio particolare è quello che rivolgo a chi oggi, più di trenta persone, ha consentito ai nostri concittadini di votare ed esprimersi, dedicando spontaneamente e gratuitamente il proprio tempo alla vita del seggio ed al raggiungimento di questa prima bellissima meta”.

30042017

11 Commenti

  1. Licata,come già più volte consigliatoti,il pennello prova ad usarlo materialmente a beneficio della tua nuova città

  2. Sempre detto che Librandi non appartiene al centro destra, uomo di sinistra con un occhio alla saccoccia.
    Chissà cosa ne pensano i suoi fedelissimi saronnesi con pedigree.

  3. Rispetto alle primarie del 2013, 400 votanti in meno.. 1/3 .. ma sembrano non voler vedere..

    • Ovvio che i dalemiani e i bersaniani non sarebbero andati a votare! siamo in democrazia!

  4. 76% Renzi
    il primo saronnese che si lamenta che il governo non va bene propongo la fustigazione in sala mensa alla Fantozzi…..
    alla fine ogni paese ha il governo che si merita
    Sono schifato.

Comments are closed.