SARONNO – Un ringraziamento e un’attestazione di stima al personale dell’ospedale cittadino di piazzale Borella arriva da Paolo Lazzaroni, notissimo imprenditore saronnese titolare dell’omonima azienda con sede in via Gorizia conosciuta in tutto il mondo per la produzione di specialità dolciarie e di liquori.

Nelle ultime ore il saronnese è stato ricoverato d’urgenza all’ospedale di Saronno per un intervento chirurgico non più rinviabile. “Sono stato accolto e curato, nel reparto di chirurgia generale, con affabilità, gentilezza e molta precisione da personale professionalmente molto qualificato” spiega l’imprenditore in una breve nota.

“Un ringraziamento va proprio al personale che ho trovato molto ‘umano’, sensibile, vigile, disponibile e premuroso e sempre con generosi sorrisi, molto importanti per chi deve recuperare con serenità un po’ delle proprie forze”.
E conclude rimarcando il proprio apprezzamento: “E’ una stata l’ennesima testimonianza – conclude Paolo Lazzaroni – a conferma del sempre altissimo livello storico del nostro ospedale”.

(foto archivio)

05052017

4 Commenti

  1. Condivido e sottoscrivo la stima e il plauso per tutto il personale dell’Ospedale di Saronno. Sono stata operata al seno dopo soli 20 giorni dalla diagnosi.Dai chirurghi a tutto il personale infermieristico e ausiliare sono stata curata con attenzione e premura personale. Ringrazio tantissimo tutti. Laura Coppa

  2. Frequentando da diverso tempo per un familiare (paziente cronico) il laboratorio analisi – reparto viola – posso dare la mia testimonianza più che positiva di tale reparto.
    Tutti i pazienti vengono accolti sempre con la massima cura e professionalità dal personale addetto.

    Doveroso questo ringraziamento, seppur indiretto

  3. Condivido e sottoscrivo la stima e plauso per tutto il personale dell’Ospedale Saronno, dal >Pronto Soccorso ai vari reparti. Grazie di cuore per tutto quello che sapete dare agli ammalati!

  4. Anche io devo ringraziare l’ ospedale di Saronno per l’ ottimo reparto di maternita’.

    Marta Villa

Comments are closed.