UBOLDO – Hanno forzato la porta posteriore e poi si sono rimboccati le maniche visto che hanno scassinato 103 slot machine per impossessarsi dei contanti e delle bancone che si trovavano nella cassetta di sicurezza dei dispositivi. E’ stato un lavoro certosino quello realizzato dai ladri che hanno preso di mira la sala slot di via Iv novembre. I malviventi sono riusciti a portare a termine il proprio blitz senza attirare l’attenzione di residenti e passanti tanto che il furto è stato scoperto solo il mattino successivo dal personale quando è arrivato al lavoro.

Secondo le ricostruzioni dopo aver forzato la porta sul retro, scelta perchè decisamente defilata e lontana dalla trafficatissima Saronno-Busto hanno iniziato la propria opera aprendo sistematicamente tutte le “cassette di sicurezza” delle slot machine e impossessandosi di banconote e monete. Un lavoro che ha richiesto sicuramente molto tempo se si pensa che i dispositivi scassinati sono stati 103. Per quantificare con precisione il bottino sono stati avviati accertamenti contabili. Terminata la razzia sono usciti dalla porta sul retro riuscendo a dileguarsi senza farsi notare. Come detto l’allarme è scattato solo la mattina dopo quando il personale trovando la porta e i dispositivi forzati hanno chiamato i carabinieri.

Da valutare anche un possibile collegamento con il tentativo di effrazione messo a segno, ai danni della stessa attività, qualche settimana fa che ha visto i ladri darsi alla fuga dopo che era entrato in funzione il sistema antintrusione.

06052017

2 Commenti

  1. Hanno fatto bene…quelle macchinette mangiasoldi sono il vero furto che andrebbe abolito!! Siamo un paese vergognoso, dove si incentiva la ludopadia e si mandano al lastrico le famiglie. Vergogna!!

Comments are closed.