SARONNO – “E’ con grande stupore che apprendo della scelta del Sindaco Fagioli di non prevedere, in occasione della Festa della Repubblica, alcuna programmazione di carattere istituzionale, adducendo il timore di possibili problemi di ordine pubblico”.

Inizia cosi il commento dell’europarlamentare Lara Comi in merito alla cancellazione del due giugno a Saronno.

“Siamo di fronte ad una grave sconfitta del Comune che, facendo così, ha deciso di arrendersi di fronte ai quei violenti e facinorosi figli di papà che da anni purtroppo ammorbano la gente perbene di questa città. L’Amministrazione ha invece il dovere di rivendicare spazi di libertà in cui rinnovare il patto di convivenza tra i cittadini di questa comunità e dell’intero Paese, soprattutto in occasione della Festa della Repubblica. Fagioli sia coraggioso e ci ripensi: io sarò con lui per rendere Saronno libera da Telos una volta per tutte”. Così dichiara Lara Comi, eurodeputato di Forza Italia e vicepresidente del gruppo del Partito Popolare Europeo”.

31052017

18 Commenti

  1. Questo invito politico sembrerebbe inusuale e di opportunità per la logica consapevolezza di ergersi a difensore dei valori patriottici dello Stato Italiano. La strategia è quella di insinuarsi negli attuali equilibri politici locali deteriorati fra le varie realtà politiche e di cui i Saronnesi hanno ben presente le notizie obiettive pubblicate dalla stampa locale. Lo stimolo al coraggio del Sindaco rimarrà sicuramente disatteso a dimostrazione della spregiudicata insofferenza di tutta la Lega Saronnese per tutto ciò che possa richiamare alla storia dell’Unità d’Italia e non vi sarà alcun tentennamento alle direttive impartite dai vertici nazionali leghisti che mirano a dividere più che ad unire.

    • No 2 giugno : insulto alle istituzioni , insulto a tutti i Saronnesi, evidente incapacità d ‘ essere sindaco di tutti d’essere rappresentante della nostra comunità intera Ennesimo flop

  2. Quello che mi stupisce è la posizione di S.A.C., ovvero la NON PRESA DI POSIZIONE.
    Decidano una volta per tutte da che parte stare se con la politica seria e costruttiva (vedi la presa di posizione della Comi) o con la Lega (vedi il NON 2 GIUGNO proclamato da Fagioli).
    Aspetto con ansia e trepidazione il comunicato del segretario politico di S.A.C. in merito a questa vicenda, poi i cittadini elettori valuteranno…..

  3. Ormai siamo all’orgia. Mai i legumi sono stati così stimolanti. E ancora non si son chiuse le roboanti dichiarazioni. Urca son curioso ,chi sarà il prossimo a cadere del pentolone del vostro sindacone.

    • … ma quando mai l’amministrazioni ne comunale comprende d essere a disposizione dei cittadini tutti.

  4. Delegare i comunicati stampa a terzi porta spesso a prendere lucciole per lanterne.
    E’ necessario che Laretta nostra si incontri col Sindaco.
    2 giugno, ore 10, piazza Libertà.
    Per riconoscervi: Sindaco con camicia verde ed europarlamentare con tailleur bianco-rosso.

  5. Il sindaco ha comunicato :”La città nell’ultimo mese ha già subito troppi attacchi di varia natura. Per questioni di ordine pubblico e trattandosi di attività rinunciabile in quanto non prevista dai cerimoniali si è scelto di non effettuare cerimonie, che come previsto sono invece organizzate nel capoluogo di provincia”.
    Riflessione:
    – da sempre Telos fa danni : invece di piegarsi non sarebbe meglio affrontarli a schiena dritta?
    – in Europa come in altre parti del mondo di folli e facinorosi ce ne sono a bizzeffe Forse per questo i governanti e i cittadini vengono meno al loro diritto di libertà e di celebrazioni ? Esattamente il contrario Non sono eroi: sono cittadini che hanno a cuore la loro libertà individuale e i loro diritti a celebrare le loro tradizioni come a manifestare il dovuto rispetto verso le istituzionale Non sono eroi: sono governanti che affrontano le questione a ” muso duro”
    – le motivazioni addotte sono un boomerang : da una parte si nega una festa espressione di un diritto dall’altra si ammette l’incapacità di far fronte a questioni di sicurezza Telos ha pubblica conferma che può proseguire come sempre

  6. La presa di posizione di voler metter sotto il cappello leghista tutti e dico tutti i cittadini saronnesi , piegandoli al proprio credo politico è la peggior azione che si possa fare Il farsi guidare da una scarsa sensibilità istituzionale e da n’ evidente incapacità di rappresentare una comunità che ha al suo interno persone di diverso credo politico religioso non aiuta

  7. Ma “qualcuno” crede davvero che il problema sia il Telos (e ci casca in pieno) ?
    Altro che Telos.
    Per il 2 Giugno si prevedono (in ordine di apparizione) un terremoto, una terribile inondazione, le cavallette …
    Vediamo ora se “qualcuno” ci ricasca.

Comments are closed.