GERENZANO – Presentazione ufficiale di candidati e programma per la lista “Cristiano Borghi sindaco”, che si è tenuto nei giorni scorsi all’auditorium di via Manzoni.

“Ri-diamo un anima a Gerenzano” il leit-motiv della lista:“Non siamo attori, non siamo teatranti e ci emozioniamo perché siamo gente comune che non vive di politica, e non ha conflitti di interesse, gente che ci mette la faccia e lo fa con passione e dedizione – ha sottolineato Cristiano Borghi – Il nostro posto è Gerenzano, la nostra vita è Gerenzano, ma la vita merita di essere vissuta e non dobbiamo andare a Saronno, Legnano o Milano per farlo. I nostri figli sono il nostro futuro e vogliamo essere liberi di portarli a mangiare un gelato dopo cena a Gerenzano, e vogliamo farlo in sicurezza. Il verde pubblico, i parcheggi, i marciapiedi, la manutenzione delle strade e delle strutture scolastiche sono interventi ordinari, e come tali devono essere gestiti, e non devono essere considerati delle gentili concessioni dietro richiesta, quando le richieste vengono esaudite”.

Ha proseguito Borghi

L’amministrazione deve essere considerata il punto di riferimento , quand’anche consulente o confidente di un cittadino. L’amministrazione comunale è l’istituzione pubblica ed il riferimento più vicino al cittadino e come tale questa si deve comportare senza nascondersi dietro banali scuse, perché se in campagna elettorale sei in piazza ed hai il coraggio e la volontà di andare a caccia di voti guardando negli occhi il tuo possibile elettore, una volta che sei eletto è imperativo che tu quegli occhi continui a guardarli senza distogliere lo sguardo per i successivi 4 anni e 6 mesi. L’amministrazione comunale lavora per la collettività, non gli fa un favore, e quando si lavora, tra farlo bene e farlo male ci si impiega lo stesso tempo, ma in un caso si viene premiati, nell’altro si viene redarguiti, e correre ai ripari gli ultimi sei mesi, non è etico.

A sostenere Borghi sono Lega Nord, Fratelli d’Italia, Domà nunch, Gerenzano viva e Granducato.

02062017