SARONNO – “La maggioranza consiliare è aperta alle proposte della minoranza. Noi facciamo un ragionamento locale e non ci opponiamo per partito preso quando le proposte riguardano aspetti pratici e condivisibili”.

Inizia così la presa di posizione di Angelo Veronesi, capogruppo della Lega nord in merito all’approvazione in consiglio comunale della mozione emendata sul pranzo domestico e doggy bag.

“Il Movimento 5 Stelle ha presentato due mozioni per chiedere che venga lasciata la possibilità alle famiglie di scegliere di poter portare il cibo da casa e di poter portare a casa il cibo avanzato dalla mensa. Sono due proposte degne di attenzione, ma che contengono delle problematiche tecniche che sarebbe meglio trattare al di fuori dei tavoli di filosofia politica.

La Lega Nord ha proposto di cambiare il deliberato in modo da consentire che tutti questi argomenti di interesse per le famiglie possano essere discussi in modo pratico e concreto in un tavolo tecnico avulso da questioni di filosofia politica, questioni che sono emerse anche durante il dibattito in aula consiliare.

Il tavolo tecnico e operativo è stato approvato dal consiglio comunale con una larga maggioranza e sarà organizzato dall’Amministrazione Comunale con presenti i dirigenti scolastici e rappresentanti l’ATS (Ex ASL) per sondarne la fattibilità, le problematicità e determinarne le regole. Accogliere le proposte della minoranza dimostra l’apertura e la voglia di trattare le tematiche in modo concreto e pragmatico da parte della maggioranza, senza cadere nei giochi politici delle parti e senza polemiche inutili e dannose”

05062017

5 Commenti

  1. Dite le cose come stanno: la giunta REGIONALE guidata da MARONI ha approvato una mozione simile, quindi non potevate andare contro alla linea presa in regione…perché altrimenti non sareste stati così aperti!

  2. I problemi della schisceta sono problemi complessi a cui solo una mente illuminata può dare delle risposte e, non a caso, hanno mandato in avanscoperta nientepopodimeno che l’Angelo fuoriclasse della Lega Nord saronnese.

  3. Da fisico a filosofo. La mancanza di idee semplici, pratiche, razionali è sempre più palese e allarmante. La Lega, dequalifica perchè non più Lega Nord, mira a ridimensionare i contributi comunali per l’assistenza e il sostentamento alle famiglie saronnesi bisognose che non possono permettersi di acquistare i buoni mensa, nè preparare la “schiscetta” ai propri figli.

      • Tre profili che si contrappongono ma che nella sostanza ottengono lo stesso risultato con le loro azioni divulgative. Siamo nel terzo millennio e la Comunità saronnese non tollera più di essere vessata dalle continue dissertazioni leghiste dai contenuti irrazionali esternati con superficialità.

Comments are closed.