SOLARO – Prima la lite, poi i coltelli e i disperati tentativi di fuga dei contendenti. Pare essere questo lo scenario dell’omicidio avvenuto ieri sera alle 23 in via Carlo Porta e su cui stanno indagando i carabinieri di Desio guidati dal capitano Mansueto Cosentino.

Tra i nodi ancora da sciogliere la motivazione che ha portato due stranieri che si trovavano all’esterno del negozio di kebab di via Carlo Porto a discutere. Erano circa le 23 quando dalle parole si è passati… ai coltelli. Ad avere la peggio un 46enne ghanese. Lo straniero, che in passato aveva avuto problemi con la legge è stato raggiunto da una coltellata al petto. Dopo essere stato colpito ha cercato di allontanarsi a bordo della sua Golf ma dopo pochi metri è finito contro un’albero. I carabinieri chiamati da alcuni presenti l’hanno trovato ormai senza vita nell’auto incidentata.

Il secondo contendente, un marocchino 43enne, è stato invece fermato in via Carlo Porto con una ferita da coltello all’addome. E’ stato subito soccorso e portato all’ospedale di Garbagnate Milanese. Al momento non ci sono notizie di fermi o arresti. Tra gli aspetti da chiarire le motivazioni per cui si è arrivati alla lite che potrebbero essere personali o legate al mondo dello spaccio.

(foto archivio)

15062017

 

14 Commenti

  1. Povere risorse, si saranno presi a coltellate davanti ad un kebabbaro per colpa di chi non li accoglie nelle proprie case.

  2. Continuo a pensare che di questi personaggi in Italia non ne abbiamo necessità: quindi basta accoglienza ed espulsioni subito!

  3. Ho sempre pensato che fosse un paese tranquillo, ma mi sono sbagliato non serve guardare lontano pure dietro casa nostra succedono .

  4. Complimenti al sindaco di questo paese che ora va in giro a mendicare case per le risorse….

  5. Dai che tra poco non dovrete più nemmeno specificare la nazionalità e prendervi così i rimproveri dei politicamente corretti. Tra un po queste risorse saranno nostri fratelli italiani 🙂

  6. Mi risulta che tra i clienti degli spacciatori del parco delle groane ci siano molte “risorse Salviniane” ma che nessuno si preoccupi di questi.

    Se due delinquenti si ammazzano tra di loro non è automatico colpevolizzare tutti quelli che italiani non sono e che magari sono arrivati in Italia e se danno da fare come (e spesso di più) di molti nullafacenti autoctoni.

    • Sicuramente ci sono italiani che delinquono, ma se invece di finire contro un albero con la macchina andava addosso ad una persona…..basta nascondersi dietro un dito, diamo un giro di vite, regole e pene certe e chi non può stare in Italia lo si riporta a casa.

  7. Mancava il commento del correct politicanty, sinceramente non ne sentivo la mancanza, abbiamo sicuramente le problematiche degli autoctoni e appunto per questo non abbiamo bisogno dei problemi che creano le risorse,stiano a casa loro e chi sente la necessità di aver vicino questi personaggi se ne vadano anche loro.

Comments are closed.