SOLARO / CERIANO LAGHETTO – “L’altra sera, accoltellamento tra un ghanese ed un marocchino fuori dal Kebab a Solaro, nel quartiere San Pietro. Pare sia l’ennesimo regolamento di conti per questioni di droga. Uno è morto, l’altro ferito gravemente. Voglio esprimere la mia solidarietà alle forze dell’ordine che si ritrovano, con pochi mezzi e risorse, a gestire situazioni da “Bronx” per colpa di una classe politica inerte ed incapace: con le vostre scelte state distruggendo una nazione intera!”

Così il sindaco di Ceriano Laghetto, il leghista Dante Cattaneo, dopo l’omicidio avvenuto nella confinante Solaro. A poca distanza si trovano i boschi del Parco delle Groane, quotidianamente “invasa” da spacciatori e loro clienti. Intanto proseguono le indagini dei carabinieri della Compagnia di Desio per chiarire tutti i contorni della lit sfuggita ad ogni controllo e che ha portato al tragico epilogo del delitto.

(foto archivio: un sopralluogo nei boschi da parte del sindaco Dante Cattaneo)

16062017

3 Commenti

  1. Ormai Solaro è persa, a San Pietro in particolare i pochi italiani rimasti vivono come nelle riserve, ha ragione Cattaneo

  2. Dobbiamo riunificare il saronnese per meglio controllare il territorio e Cattaneo ha dimostrato nei fatti di essere il più adatto a governare un’area più vasta.

Comments are closed.