CISLAGO – Proseguono le indagini sull’omicidio del 25enne tunisino accoltellato nella notte tra domenica e lunedì in via 4 novembre.

In mattinata i carabinieri della compagnia di Saronno guidati dal capitano Pietro Laghezza che seguono le indagini con militari del Nucleo investigativo di Varese hanno iniziato ad ascoltare alcuni avventori dei locali interno a via 4 novembre. Obiettivo ricostruire con precisione che era presente quando è scoppiata la lite che ha portato al ferimento e quindi alla morte di Jalem Khamckhi 25enne tunisino senza fissa dimora presente irregolarmente in Italia. 

La dinamica dell’omicidio è quella trapelata alle prime ore del mattino: tra un gruppo di stranieri presenti in via 4 novembre è scoppiata una discussione dai toni tanto alti da far affacciare i residenti alle finestre. Qualcuno ha chiesto l’intervento di carabinieri e del 118 dopo aver sentito urlare. Arrivati sul posto militari e soccoritori hanno trovato lo straniero agonizzante in una pozza di sangue. Accanto a lui il coltello. Il ragazzo era stato ferito proprio con quello alla gola. E’ stato soccorso dal personale della Croce Rossa di Saronno che in pochi minuti l’ha trasportato all’ospedale di piazzale Borella dove però è morto poco dopo.

Lo straniero era stato per qualche tempo legato ad una 17enne da cui ha avuto anche una figlia ma sembra che non vivesse più con loro da qualche tempo tanto da risultare senza fissa dimora. Aveva avuto anche diversi problemi con la legge alcuni dei quali legati allo spaccio.

La salma sarà sottoposta agli accertamenti autoptici in modo da chiarire con precisione le cause della morte. A seguire le indagini per la procura di Busto Arsizio il sostituto procuratore Francesca Gentilini.

26062017

1 commento

  1. Io non so chi sia stato… spero che le indagini faccino tutto il possibile perche la giustizia ci deve essere per lui per la sua famiglia e per la gente che lo amava moltissimo …lui non avrebbe mai fatto del male a nessuno io ero la sua ex

Comments are closed.