UBOLDO – Riceviamo e pubblichiamo la nota di “Per Uboldo” in merito all’arrivo dei tabelloni arrivati in paese per i manifesti.

“Uboldo finalmente scopre il decoro cittadino, l’ordine e la pulizia.

Da alcune settimane sono comparsi in paese i primi impianti delle pubbliche affissioni, i tabelloni cioè dove affiggere i manifesti in modo ordinato e decorso. Un anno fa il consiglio comunale approvò la concessione del servizio di accertamento e riscossione dell’imposta sulla pubblicità a Saronno Servizi.

Concessione che prevedeva anche la redazione – a titolo gratuito – del piano generale degli impianti delle pubbliche affissioni e l’installazione, la manutenzione e il riordino degli impianti stessi. Oggi, a quasi un anno di distanza, cominciano a vedersi i primi frutti della concessione. Sono apparsi nelle vie centrali del paese i primi tabelloni che dovranno servire come “unico” luogo dove affiggere manifesti, locandine e quant’altro.

Come succede in tutte le città e paesi civili!

Per ora ne abbiamo visti alcuni lungo via Ceriani e via San Martino: aspettiamo di conoscere in quali altre posizioni verranno posizionati (la nostra richiesta di avere il Piano redatto da Saronno Servizi presentata il 12 giugno ancora non ha avuto risposta).

Grazie a queste nuove installazioni – si tratta di una volta “epocale” visto che il Piano che avrebbe dovuto fare e aggiornare ogni tre anni l’Ufficio Tecnico pare non sia mai stato fatto – potremo avere una Uboldo più ordinata e decorosa. E finalmente non avremo più alberi “decorati” con manifesti di ogni genere nelle vie centrali del paese.

Avere i fusti degli alberi tappezzati da manifesti non salvaguardia certamente l’arredo urbano ma, anzi, aiuta a rendere ancora peggiore di quello che è il decoro urbano di Uboldo. Senza dimenticare che il decoro di un paese parte dalla civiltà di chi vi vive ma non può prescindere dal sostegno e dall’esempio delle autorità competenti.

La nostra battaglia per far smettere le affissioni di manifesti sugli alberi ha fatto centro.

27062017