ORIGGIO – Riceviamo e pubblichiamo la nota in RPost la società a cui fanno riferimento i lavoratori in presidio davanti alla sede logistica di Amazon di Origgio.

E’ in atto presso RPost uno sciopero dichiarato dalla Filt Cgil di Milano e Lombardia.

Lo sciopero è stato dichiarato da un’organizzazione non titolare e non firmataria del contratto di Lavoro e in netta violazione delle procedure di preavviso e regolamentazione dello sciopero previste dal contratto adottato dall’azienda.

RPost è un’azienda che svolge attività di recapito sul territorio della Lombardia ed applica regolarmente ai suoi dipendenti il Ccnl “per le imprese private oepranti nel settore della distribuzione, del recapito e dei servizi postali”, sottoscritto a livello nazionale dalle segreterie generali delle organizzazioni sindacali Slc-Cgil, Slp-Cisl e Uilposte.

L’attività svolta sul territorio lombardo si configura esattamente come “attività di distribuzione e recapito di oggetti postali” e la specificità del Ccnl adottato è del tutto coerente. Rpost intrattiene relazioni continuative e positive con le organizzazioni sindacali firmatarie del contratto attualmente in vigore l’Azienda, con le quali è in via di definizione la trattativa sul contratto di 2° livello aziendale, che aggiornerà le voci previste sul salario accessorio, comprese quelle di diaria e trasferta, portandole ad un risultato economico complessivo netto di 1400 euro mese minimo.

In aggiunta a tutto ciò RPost per la prima volta nel settore recapito, offre ai suoi dipendenti una partecipazione del 3% all’utile netto del 2017. Tutto questo rappresenta un trattamento superiore rispetto alle richieste fatte pervenire dalla Filt Cgil, che come ribadito sopra non è tra le organizzazioni sindacali firmatarie del contratto di lavoro correttamente adottato da Rpost.

28062017

1 commento

  1. complimenti alla Cgil che nei panni della Filt-Cgil non sa che è rappresentata in questa azienda da Slc-Cgil…. Incredibile sindacato.

    Ma chi rappresenta?? o si vuol fare casino per il gusto di farlo??

Comments are closed.