ORIGGIO – Tanto entusiamo ieri sera alla presentazione ufficiale del Fbc Saronno in vista della stagione 2017-2018: l’appuntamento si è tenuto al Dolce beach dell’Easy village, il complesso sportivo di via per Caronno ad Origgio gestito dall’ex biancoceleste Gianpietro Novara, che ha volentieri ospitato l’evento. C’erano molti tifosi compresi tanti ultras del Fronte ribelle che hanno fatto sentire tutto il loro “calore” a staff e giocatori del “nuovo” Saronno.

“Non solo una tranquilla salvezza, vorrei anche dare qualcosa di più a questo pubblico” le parole dell’allenatore Andrea Mazza mentre il direttore generale Guido Gorla ha innanzitutto voluto ringraziare tecnico, Gianluca Antonelli e giocatori della scorsa stagione,”stagione per tanti motivi difficile, a loro dobbiamo la possibilità di giocare ancora nel campionato di Eccellenza e quindi voglio tributare loro un grande ringraziamento”. Il direttore sportivo Roberto Corda ha dato nomi e numeri di una squadra ampiamente rinnovata ma che riparte dalle conferme di capitan Michele Scavo, che in Sardegna in vacanza si è collegato telefonicamente ad Origgio, e del centravanti Diego Surace. Poi il “rompete le righe” con appuntamento al 16 agosto quando inizierà la preparazione.

06072017

17 Commenti

  1. È inutile essere nostalgici. Antonelli e gli altri non ci sono più. Ora ci sono loro. E a loro deve andare il nostro supporto. Massimo impegno estremo sostegno!!!

    • Posto che ieri ero presente e non ho sentito gli ultras dire una cosa del genere, comunque è una triste verità. Gli unici che ci sono da 25 anni sono gli ultras e pochi altri tifosi. Tutti gli altri, vale a dire giocatori staff dirigenze e molti altri tifosi, sono solo meteore.

  2. Avete presentato la nostra squadra… a Origgio! Questa scelta da fighetti l’avete pagata con l’afflusso di gente… tolti i giocatori e gli ultras che sarebbero venuti ovunque, c’erano 3/4 persone. VERGONA! Saronno a Saronno!

  3. Ma quale nostalgico è la realta.
    Gente come quelli che sanno tutti andavano tenuti e se ciò non si è avverato c’è un motivo!
    Mancano soldi!
    Saronno merita di meglio che gente che promette mari e monti e ogni anno bisogna salvarsi.
    Loro erano L ossatura vera con le palle ed è grazie a loro se siamo ancora qua.
    GUARDATE IN FACVIA LA REALTÀ PERCHÉ POCHI LO FANNO

    • Può essere. Poi però ritorniamo sempre. L’erba cattiva non muore mai. Rassegnatevi

  4. Entusiasmo? Non c’erano manco i genitori dei calciatori…a livello di immagine sarebbe stato più logico presentarli in piazza al giovedì sera visti i negozi aperti e il flusso di gente

  5. Una mera realta’ del calcio saronnese, purtroppo quando non tornano i conti, bisogna tagliare i costi e gli acquisti, forse rra meglio partire con una prima categoria e pensare ai giovani, il Matteotti e’un posto alla fine nato per il rione, la speranza e’ quella che si faccia avanti un imprenditore con uno staff adeguato, alla fine c’e’ una succursale della Robur, speriamo facciano un campionato dignitoso, la vera soluzione dovrebbe essere uno.stadio nuovo con un palazzetto adeguato magari sponsorizzato da qualche firma di valore.

  6. tante chiacchere e pochi fatti come ogni anno!!! rivogliamo un presidente con soldi per investire!!!! solo onore agli ultras!

Comments are closed.