SARONNO – La Corte d’Appello di Milano ha condannato Trenord ad un risarcimento di 300 mila euro per i gravi disagi subiti dai pendolari nel dicembre 2012.

La sentenza fa riferimento agli 8 giorni, al 9 al 17 dicembre, in cui un cambiamento del sistema gestionale aveva letteralmente paralizzato il traffico ferroviario. L’intera circolazione era andata in tilt con treni cancellati, corse dirottate, ritardi e soprattutto pochissima informazioni. Per i viaggiatori una vera e propria odissea, in cui non erano mancati attimi di tensioni anche nelle stazioni saronnesi,  che hanno deciso di mobilitarsi con il sostegno di Altroconsumo. In 3.018 hanno aderito alla class action ammessa dal tribunale milanese il 3 maggio 2014. In primo grado c’era stato il rigetto ma in corte d’apello le cose sono andate diversamente.

Ora è arrivato l’epilogo con un risarcimento di 100 euro a testa, in aggiunta agli indennizzi automatici già versati dalla compagnia ferroviaria. Una vittoria che l’associazione per la difesa dei consumatori definisce storica “essendo la prima class action in Italia che porta un risultato utile per migliaia di consumatori essendo stata riformata integralmente la sentenza di primo grado, riconoscendo la gravità dei disagi subiti circa cinque anni fa”.

27082017

1 commento

Comments are closed.