Home Cronaca Telos ritorna all’ex Cantoni: prime proteste dei residenti

Telos ritorna all’ex Cantoni: prime proteste dei residenti

739
14

SARONNO – “Il posto è preso ed è al coperto. Via Miola angolo via Marzorati. Alla ex-cantoni. Vi aspettiamo”: con questo stringato messaggio sulla pagina Facebook del gruppo i ragazzi del centro sociale Telos hanno annunciato la location dell’evento “Acque scure HC”.

Ed effettivamente a partire dalle 15 nella zona dell’ex area dismessa dove i cancelli sono stati spalancati, malgrado i tentativi della proprietà e della polizia locale di sigillarli, hanno iniziati ad arrivare alla spicciolata diversi gruppi di giovani.

Il programma dell’evento è decisamente intenso con una free jam hip hop seguita da una discussione sul vandalismo partendo dall’opuscolo “Vandali” scritto dal collettivo Tarantula di Monza. Alle 18,30 aperitivo con concerto acustico seguito da una cena vegana. Alle 20,30 al via al concerto con gruppi che arriveranno da Genova, Brescia, La Spezia e Savona.

Preoccupazione tra i residenti della zona che temono un’altra notte insonne visto che in occasione dell’ultima occupazione temporanea la musica è proseguita fino alle 7 del mattino.

(foto archivio)

09092017

14 Commenti

  1. Fagioli dorme tranquillo: ma non era la giunta Porro che non riusciva a gestire i Telos???

    Buon concerto ai residenti, e a quelli di loro che hanno votato Fagioli non posso dire altro che ben vi sta

    • Sai Porro lì lasciava nel loro luogo quindi le feste le facevano lì ora che finalmente sono stati sgomberati occupano in giro e non si può fare tutto in un giorno con la macchina burocratica! Servono le ruspe !

      • Ma se l’opposizione continuava a rompete le scatole dicendo che Porro non faceva niente? Alla fine la proprietà ha denunciato gli occupanti e c’è stato lo sgombero. Adesso è ancora colpa di Porro? Siete dei fenomeni

    • Ho chiamato prima delle 16 la polizia locale, che mi ha risposto che avevano avvisato i carabinieri.
      Ho chiamato subito dopo i carabinieri, la cui risposta è stata “se ne occupa la questura”.

      Il fatto è che questi “ragazzi” occupano abusivamente proprietà private, manifestano non autorizzati, imbrattano muri e vetrire e disturbano la quiete pubblica.

      Non credo di essere stato l’unico a chiamare le forze dell’ordine, ma è stato inutile.

  2. Ma i vigili o i carabinieri che impedissero l’accesso all’area? Non se ne parla? Stanno comunque compiendo un crimine perseguibile x legge. Se le forze dell’ ordine non mettono ordine…..

  3. mi sono rotto le p..lle. c’è un limite a tutto e il limite le mie orecchie l’hanno superato…..

  4. Se le forze dell’ordine non fanno ordine quali strumenti ha un cittadino comune per tutelare la proprietà dai vandali? Chi rimborsa ai proprietari i costi per pulire i muri dai graffiti che questi parassiti sociali lasciano dietro di sé? Voglio fuggire dall’Italia….

  5. ma alla fine l’hanno fatto o no?!? o quattro gocce d’acqua hanno fermato questi temerari rivoluzionari.
    Questa testata si è sprecata a far da locandina all’evento… e poi non ci informa su come è andata.

  6. Rivoluzionari….solo gente capace di danneggiare e imbrattare, magari fossero rivoluzionari!
    Questa gente non ha ancora capito che lo stato italiano gli ha rubato il futuro, rompono solo le scatole prossimo più vicino a loro!

  7. Scrivo striscione con la parola libertà e poi sono i primi ad essere schiavi della propria utopia!

Comments are closed.