SARONNO – L’incendio di chiara natura dolosa che ha prodotto la distruzione di diverse vetture comunali sul tetto del Municipio rappresenta l’ennesima prova dell’imbarbarimento della vita nella nostra città”.

Inizia così la nota condivisa dall’ex sindaco Pierluigi Gilli e firmata da Unione italiana.

“I danni sono pesanti e reali e per fortuna si è scampato il pericolo di un furioso incendio che si sarebbe potuto propagare al Municipio stesso, grazie al tempestivo e fattivo intervento dei vigili del fuoco. Senza girarci attorno, bisogna riconoscere che il rischio per la sicurezza dei beni, privati e pubblici, e delle persone ha ormai superato a Saronno il livello di guardia.

Mentre ci stringiamo, come tutti i saronnesi per bene, al Comune ed alla sua attuale Amministrazione, che si è prodigata nell’immediatezza dell’increscioso evento, dobbiamo tuttavia insistere perché si ponga mano ad una seria e concreta opera di prevenzione nei confronti dei malintenzionati, di qualunque origine siano, che mettono a repentaglio la tranquillità e l’operosità cittadine.

Per la prevenzione non bastano telecamere: evidentemente (e purtroppo) quanto sinora fatto dall’Amministrazione a fini preventivi non è sufficiente né quantitativamente, né qualitativamente.

Siamo quindi certi che questo orribile attentato (che ha colpito, oltretutto, le vetture utilizzate per i servizi sociali ai più deboli e disagiati) indurrà la Giunta, senza sconti, né troppi distinguo, alla rapida presentazione di un pacchetto di nuove, energiche misure per affrontare un’emergenza infinita, in sempre più stretta collaborazione con le forze dell’ordine.

16092017

 

9 Commenti

  1. È 30 anni che Saronno è allo sbando ora è giura l’ora di estremi rimedi, vigili a presidiare H 24 il territorio con supporto di carabinieri ed esercito soprattutto portare a zero anche la tolleranza dei reati considerati di poca importanza.

  2. e già invece di buttare soldi in rotonde inutili e in palazzetti dello sport fatti alla buona e solo quest’anno resi agibili ?…. Poteva quando c’erano i soldi occuparsi della sicurezza in città.

  3. Cioè?
    Schieriamo l’esercito?
    Imponiamo il coprifuoco?
    Tiratori scelti ad ogni angolo della strada?
    Rastrellamenti di personaggi sospetti?
    Per fortuna Gilli è stato sindaco per dieci anni 🙁

    • Perché no se uno non ha nulla da temere ben vengano a male estremi, estremi rimedi!

    • Perché no se uno non ha nulla da temere ben vengano a male estremi, estremi rimedi bisogna riportare la legalità in un territorio allo sbando da decenni!

  4. ahahahah i vigli a presidiare h24 il territorio…. fanno a gara per non andare più in strada per stare negli uffici appena possono, e adesso arriva questo a prentendere che facciano presidio h24… ahahah
    I prefetti sono troppo occupati a gestire i casini causati dai sindaci leghisti che non vogliono i rifugiati, che fanno presidi, casini, aizzano i cittadini…. per riuscire ad occuparsi seriamente delle questioni serie.

Comments are closed.