LOMAZZO – Nella giornata di ieri, 3 ottobre, i carabinieri della stazione di Lomazzo hanno notificato a un cittadino cinese quarantenne, residente a Lomazzo, in qualità di proprietario di un bar del posto, il provvedimento di sospensione dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande. Nello specifico, secondo i militari l’esercizio commerciale era diventato “punto di ritrovo di soggetti pregiudicati e dediti alla commissione di reati” e quindi c’è stato questo intervento, com’è previsto dal Tulps, il Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

Da qui la chiusura dell’esercizio pubblico per trenta giorni a decorrere dal quello successivo alla data di notifica del provvedimento. L’atto di sospensione e chiusura fa seguito al costante controllo del territorio da parte dei militari del comando locale: i punti di ritrovo delle persone già note alle forze dell’ordine, infatti, vengono costantemente monitorati e controllati al fine di fornire una sempre maggior sicurezza alla cittadinanza.

(foto archivio: una pattuglia dei carabinieri)

04102017

1 commento

Comments are closed.