MOZZATE – Maltrattamenti in famiglia, un arresto nel vicino comasco. I carabinieri della stazione di Mozzate, questa mattina, hanno rintracciato e arrestato un ragazzo di 32 anni, abitante a Limido Comasco, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Como. Il reato contestato è quello di “maltrattamenti in famiglia”.

Il provvedimento è scaturito a seguito dell’attività d’indagine condotta dai carabinieri a seguito di una denuncia, i primi giorni del corrente mese, dalla moglie, dopo l’ennesimo atto di violenza da parte del trentaduenne. I militari, in sostanza, tra i molti segnalati, hanno potuto ricostruire e documentare minuziosamente almeno sei diversi episodi di maltrattamenti, avvenuti dal 2013 ad oggi, consistiti in insulti, minacce, percosse con lesioni personali. Episodi, in alcuni casi, di violenza, nel corso dei quali la donna era costretta a subire calci, pugni ed altre angherie, anche nel periodo in cui si trovava in stato di gravidanza, e costretta a ricorrere, nella maggior parte dei casi, alle cure mediche. Lo scorso 4 dicembre si è presentata al comando carabinieri per raccontare tutto, ora l’arresto del consorte.

19122017

1 commento

  1. “Un ragazzo”: di nome? Circostanziare la notizia o paura di esporsi o incompletezza e lontananza da luoghi e dai fatti. Si puó fare di piú.

Comments are closed.